ELEZIONI COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO
 / Scuole e corsi

Scuole e corsi | 21 gennaio 2022, 19:45

Vi presentiamo NAO, un robot umanoide

Sarà un’interessante opportunità per i nostri studenti di mettersi in gioco interagendo con un robot di concezione innovativa ed acquisire nuove competenze

Vi presentiamo NAO, un robot umanoide

L’Isituto di Istruzione Superiore Arimondi-Eula ha recentemente acquisito un robot umanoide, chiamato NAO; sarà utilizzato per progetti in ambito informatico dai diversi indirizzi di studio delle sedi di Savigliano e Racconigi. “Stiamo mettendo in atto – commenta il Dirigente scolastico Luca Martini – un rinnovamento della didattica e delle relative strumentazioni ad essa connesse. L’acquisito di NAO si inserisce in questo percorso. Sarà un’interessante opportunità per i nostri studenti di mettersi in gioco interagendo con un robot di concezione innovativa ed acquisire nuove competenze”.

Ma quali caratteristiche ha il robot NAO?

Alcune sono veramente sorprendenti. Quando lo si incontra, ci si accorge, ad esempio, che segue con lo sguardo le persone presenti. “NAO – spiega la prof. Alessandra Vassallo, docente di informatica e responsabile del progetto - è un robot umanoide che si muove, riconosce persone e oggetti, ascolta e parla. Può afferrare oggetti, spostarsi, ballare, interagire con le persone ed esprimere emozioni
Rappresenta il completamento ideale per insegnare coding (metodologia didattica basata sulla formulazione e risoluzione di problemi) e robotica, ma anche le discipline STEM e dunque matematica, fisica e scienze, tecnologia ed ingegneria a tutti i livelli
NAO è un assistente perfetto per un educatore: l’interfaccia visiva e intuitiva semplifica il processo di creazione dei contenuti, consentendo attività personalizzate su base individuale o per piccoli gruppi. Aiuta gli studenti a sviluppare capacità di problem solving e analisi, necessarie per avere successo in una società basata sulla conoscenza ed altamente tecnologica”. L’uso di questi robot cambierà i metodi di insegnamento? “La personalità irresistibile di NAO – prosegue la prof. Vassallo - incentiva l’interazione di insegnanti e alunni con lui, favorendo così un insegnamento e apprendimento più efficaci. L’utilizzo di un robot rappresenta un approccio nuovo all’insegnamento, un metodo didattico che parte dalle materie STEM, ovvero le materie scientifiche alla base della programmazione: la robotica educativa.

Con la robotica educativa si va oltre la stessa robotica, perché facilita il compito degli insegnanti, sostituisce a lezioni spesso completamente teoriche una pratica laboratoriale coinvolgente, si impara ad usare la logica, a risolvere problemi con difficoltà crescente, aumentando le capacità di formare quello che nel settore viene denominato “pensiero computazionale“, obiettivo che fa parte anche del coding”.

Informazione pubblicitaria

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium