ELEZIONI COMUNE DI CUNEO
 / Attualità

Attualità | 24 gennaio 2022, 19:08

Quartiere Moretta 2: velocità, illuminazione e viabilità al centro dell'attenzione

Abbiamo fatto il punto con Gian Franco Giordano, il presidente del comitato di quartiere. «Siamo come un grande paese alle porte di Alba, dove tutti si conoscono»

Foto panoramica del quartiere Moretta ad Alba

Foto panoramica del quartiere Moretta ad Alba

Quartiere Moretta 2: come vivere in un grande paese, a ridosso di Alba, dove le persone si conoscono da generazioni, e dove si cerca di migliorare ogni giorno, uniti, e di eliminare le criticità, rapportandosi con il Comune, su tematiche ritenute importanti.

A fare il punto della situazione è Gian Franco Giordano, il presidente del comitato di quartiere: «Sono al primo mandato e dividerei il mio operato in due parti, caratterizzate da due amministrazioni comunali diverse. Nei primi mesi ho cercato di capire le dinamiche e le tempistiche tra Comune e comitato di quartiere. Una volta “prese le misure” devo dire che finora si è lavorato bene con i vari assessori che si sono intervallati: Claudio Tibaldi, Emanuele Bolla e attualmente Nadia Gomba.

E credo che i cittadini debbano capire che le segnalazioni che vengono fatte debbano andare oltre la preferenza politica che viene data per essere rappresentati in Comune. Questo perché il comitato di quartiere va al di là dell’aspetto politico

Detto questo, sempre nella prima parte del mio mandato, ho visto due amministrazioni comunali presenti e attente, ma, a mio avviso, i quartieri dovrebbero essere messi più in luce, magari con incontri semestrali dove discutere le diverse esigenze. Purtroppo la pandemia sta condizionando molto questo aspetto».

E, passando i mesi di mandato, le idee sono state sempre più chiare: «Con Moretta corso Langhe, continua Gian Franco Giordano, abbiamo un tavolo di lavoro sul sociale che è andato molto bene, con incontri trimestrali poi bloccati dalle restrizioni per il Covid19. Abbiamo anche organizzato incontri con le attività commerciali per poter organizzare eventi pubblici, ma ho notato che c’è stato meno riscontro nel vivacizzare il quartiere. Questo è un punto su cui lavorare, appena sarà nuovamente possibile».

Oltre a questi aspetti, il presidente è preciso sulle tematiche da risolvere per migliorare il quartiere: «Ultimamente, con Moretta corso Langhe, abbiamo chiesto un incontro con il Comune per la mobilità sostenibile, e sinceramente le soluzioni sul grande problema di corso Cortemilia  per ora non credo che siano soddisfacenti. Ci piacerebbe anche avere piste ciclabili da fare in vie alternative o lungo la Cherasca, utilizzabili dai ragazzi che potrebbero ad esempio andare in bici a scuola.
Bisognerebbe anche affrontare il problema della velocità e della poca illuminazione dei passaggi pedonali, aspetti su cui il Comune si è detto pronto a collaborare».

E il presidente conclude con uno sguardo al futuro: «In questi ultimi due anni il Covid19 ha condizionato il nostro stile di vita ed ha rallentato la possibilità di creare eventi per la vita sociale. Cercare nuove soluzioni ci ha spinto a organizzare appuntamenti congiunti tra comitati di quartiere, una soluzione da rafforzare in futuro per avere maggiore peso specifico nel portare le esigenze in Comune.
Concludo facendo un appello ai giovani che sono il nostro futuro, a cui insegnare la sensibilità per il quartiere e per il vivere civico»
.

Livio Oggero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium