ELEZIONI COMUNE DI CUNEO
 / Attualità

Attualità | 05 maggio 2022, 09:40

A Ceva AIDO e AVIS tornano ad incontrare gli studenti del CFP

Un momento di intensa condivisione e riflessione, alla presenza dei presidenti delle associazioni e di due testimoni di importanti atti di donazione

A Ceva AIDO e AVIS tornano ad incontrare gli studenti del CFP

Ormai da tanti anni è consolidata la preziosa collaborazione con l’Associazione Italiana Donazione Organi e l’Associazione Volontari Italiani Sangue di Ceva

Dopo lo  stop imposto dall’emergenza sanitaria, quest’anno gli studenti del CFPcemon hanno nuovamente avuto il privilegio di affrontare e confrontarsi sul complesso tema della “donazione”.

Presenti i due presidenti delle associazioni, Massimo Sasso e Fabio Mottinelli che ne hanno illustrato le finalità e gli obiettivi, proponendo una riflessione sull’importanza e sulle motivazioni che inducono a diventare “donatori”.

Il dottor Fabio Tattoli ha poi approfondito i temi presentando un'approfondita relazione rispetto al mondo che ruota attorno alla donazione degli organi: ad esempio come si manifesta la volontà di donazione e come si diventa donatori, che cosa è un trapianto, a chi si trapiantano gli organi, dove si prelevano gli organi e dove si effettuano i trapianti, tutto questo in riferimento alla vigente normativa.

Toccante la testimonianza del Signor E. che ha raccontato con non poca commozione un momento difficile della propria vita, ha condiviso con gli studenti il momento in cui purtroppo gli è stato diagnosticato un tumore e la notizia della “donazione” e il conseguente trapianto. 

“Ho ritrovato la vita" - ha detto - "e non potrò mai smettere di essere grato a chi mi ha dato un’altra opportunità".

Il Signor A., malato di anemia mediterranea (talassemia), ha raccontato ai ragazzi le problematiche legate alla sua patologie e ha detto: "Donare sangue è un atto di grande solidarietà e umanità”.

Negli occhi degli/lle studenti/esse si legge molta commozione, a seguito dell’incontro alcuni dicono: “Prof. avremmo voluto fare più domande ma ci sentivamo bloccati, non pensavamo a due testimonianze così forti e personali e questo ci ha fatto rimanere un po’ a disagio, perché sa Prof. quando si parla di malattia non è facile il confronto con la dura realtà. Quello che ci fa però immenso piacere è che questi due Signori abbiano avuto un’altra possibilità e siamo felici di averli conosciuti perché in noi oggi hanno lasciato qualcosa di chiaro, un messaggio ben definito: che la speranza non deve mai essere persa. GRAZIE di cuore per aver condiviso con noi!".

Simona Giacosa, Responsabile del CFPcemon di Ceva, afferma: "Questo è stato sicuramente per i nostri studenti un momento di arricchimento personale, la loro riflessione sopra riportata mi ha ulteriormente chiarito che il mondo dell’adolescenza è qualcosa di “magico”, pensiamo siano lontani, menefreghisti, assenti e invece sono una ricchezza e una risorsa immensa, ogni volta che mi confronto con loro non smetto mai di imparare qualcosa ed anche questa volta è stato così. Ringrazio di cuore l’AIDO e l’AVIS per la presenza nel nostro Istituto e soprattutto perché attraverso tale incontro ci consentono di crescere e guardare all’altro con un occhio diverso”.

Gli/Le studenti/esse intendono ringraziare: Massimo Sasso, Fabio Mottinelli, Fabio Tattoli, Eros Broccardo, Andrea Valentino Tetto, Teresa Bosio, Simona Garitta e Chiara Bezzone.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium