/ Il block notes del disinfestatore

Il block notes del disinfestatore | 12 maggio 2022, 13:27

Mosche in stalla, un problema di biosicurezza

L'azienda albese Moedi srl è specializzata nel Pest Control di ogni tipologia di infestante nell'ambito della filiera degli allevamenti.

Mosche in stalla, un problema di biosicurezza

Stimolata dalle richieste di industrie dolciarie e dai caseifici che trasformano per loro il latte a filiera corta, quindi il latte proveniente dalla provincia di Cuneo, in latte in polvere, Anna Roggero, titolare della Moedi srl, ha elaborato un protocollo per fornire un servizio agli allevatori di vacche da latte per l’effettivo contenimento delle mosche in stalla, uno dei principali pericoli per la biosicurezza.

In pochi sono a conoscenza delle proprietà vettoriali delle mosche intese come carrier di microbi e virus responsabili di oltre 100 malattie a carico degli animali.

I trattamenti di disinfestazione nelle stalle sono consuetudinari e frequentemente effettuati in autonomia dagli allevatori ma, se non ben calendarizzati e con la scelta più opportuna del biocida da impiegare nelle diverse aree dell’allevamento e dei diversi periodi dell’anno, sono inefficaci o non rispondenti ai Regolamenti di biosicurezza.

Questa condizione ha causato, anche nel periodo recente, il rifiuto di lotti di latte da parte dei caseifici in quanto in essi erano presenti tracce di principi attivi insetticidi.

Le mosche e il bestiame da allevamento

Le vasta popolazione di mosche per il bestiame e gli allevatori può rappresentare un vero e proprio flagello. Negli animali d'allevamento, le mosche possono ridurre l'assunzione di mangime e quindi avere un impatto negativo sull'aumento di peso e sulla produzione di latte. Le mosche possono anche diffondere malattie batteriche e virali. Ad esempio, i batteri che causano la mastite possono essere trasmessi dai capezzoli di una vacca infetta a una sana attraverso le punture di mosca. Non esiste una formula magica per sradicare le mosche, ma una buona gestione e un approccio su più fronti si tradurranno in mucche più produttive e lavoratori più felici negli allevamenti.

I tipi più comuni di mosche che si trovano negli allevamenti sono:

Le specie in stalla

La Musca domestica (Linnaeus, 1758) è la specie più diffusa. Lo sviluppo è di tipo olometabolico, con quattro stadi differenti: uovo, larva, pupa e stadio finale di adulto. Ad influenzare il ciclo di sviluppo concorrono parametri ambientali altrettanto noti: concentrazione di anidride carbonica, umidità e temperatura. Si rammenta che la temperatura ideale di sviluppo si colloca tra i 35 e i 36 gradi mentre l’umidità, nei contesti produttivi, non manca mai.

Solo allo scopo di confermare il primato assoluto tra gli ecosistemi più prolifici, le femmine depongono fino a 2500 uova durante la loro breve, ma assolutamente intensa, vita riproduttiva. Le larve sono saprofaghe o coprofaghe, mentre gli adulti sono polifagi, sebbene privilegino i liquidi organici facilmente reclutabili nell’ambiente stalla e/o edifici attigui (abitazioni, caseifici, macelli, ecc).

La Stomoxys calcitrans (Linnaeus, 1758), meglio conosciuta come mosca cavallina, rimane anch’essa ben volentieri in stalla dove arreca fastidiose punture agli arti anteriori dei bovini con l’intento di sottrarre sangue. Rappresenta infatti la mosca ematofaga per eccellenza, uno dei veri flagelli per le vacche da latte in quanto si concentra spesso in sala di mungitura.

Le specie al pascolo e nei paddock esterni

Mentre la Musca domestica rimane pressoché tutto il tempo all’interno dei locali di stabulazione, la simile Musca autumnalis (De Geer, 1776) è una specie maggiormente legata ai pascoli. Specialmente nelle malghe di montagna, in prossimità dei boschi, capita sovente di scorgere gli animali completamente “rivestiti” sul muso di questa specie. Ciò è dovuto al particolare regime alimentare delle femmine, elettivamente rivolto verso secrezioni oculari e scoli nasali.

Infine, la Hematonia irritans (Linnaeus, 1758) è molto simile alla Stomoxys, essendo anch’essa ematofaga, ma come l’autumnalis segue le specie al pascolo. Chiamata “mosca delle corna”, si concentra prevalentemente sulla regione corneale, dove esercita punture anche molto fastidiose.

Come combattere questi dannosi insetti?

La lotta larvicida rappresenta il primo passo verso una demuscazione di successo. La Moedi srl di Vezza d'Alba è un'azienda specializzata nella disinfestazione e certificata secondo gli standard di qualità e soprattutto è in grado di intervenire contro i tipi più comuni di mosche che attanagliano gli allevamenti con tempestività e professionalità. L’allevatore, a stretto contatto con i tecnici della Moedi, può individuare i punti critici del suo complesso aziendale e, attraverso applicazioni mirate all'inizio della primavera, può riuscire ad eliminare la minaccia delle mosche allo stadio larvale con l'applicazione di un larvicida specifico sui perimetri delle lettiere, ai margini delle cuccette, in prossimità degli abbeveratoi, sul perimetro della concimaia e delle vasche di raccolta dei reflui. In questo modo per 15-20 giorni lo sviluppo delle larve verrà soppresso aiutando l’allevatore nel suo intento di mantenere la biosicurezza.

Come eliminare gli esemplari adulti?

Scongiurare ogni presenza di mosca adulta con la sola lotta larvicida può sembrare utopistico. Per rendere più efficace la lotta alle mosche si possono integrare sistemi che consentono di eliminare le mosche adulte in fase migratoria evitando così che il ciclo di colonizzazione si ripeta. La Moedi può intervenire in modo radicale sugli esemplari adulti con l'ausilio di moschicidi particolari dotati di attrattivi zuccherini che si rivelano particolarmente selettivi e che non rappresentano alcun pericolo per l'ambiente e per gli allevamenti. In supporto a questi insetticidi a basso impatto ambientale, si possono posizionare delle esche attrattive testate e certificate per la cattura di massa degli adulti di mosche che sono prive di inquinanti e sostanze chimiche.

Moedi srl è in Via Torino, 37/b a Vezza d'Alba e si avvale di uno staff di professionisti qualificati nella disinfestazione e non solo.

Per ulteriori informazioni potete chiamare al 0173 610164 o visitare il Sito.

Files:
 Moedi flyer-allevatori (3.1 MB)

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium