/ Attualità

Attualità | 18 maggio 2022, 07:25

Alba, velox fissi per arginare gli eccessi di velocità lungo i corsi Cortemilia e Unità d’Italia?

Punte fino a 175 km/h anche a mezzogiorno lungo le due trafficate direttrici cittadine. Il Comune valuta la posa di dispositivi con telecamera attiva, utilizzabili senza l’obbligo di “stop” del veicol

I radar utilizzati in corso Cortemilia e corso Unità d'Italia per la rilevazione delle velocità

I radar utilizzati in corso Cortemilia e corso Unità d'Italia per la rilevazione delle velocità

Corso Cortemilia e corso Unità d’Italia (Piana Biglini) utilizzati come rettilinei da “chilometro lanciato"? E’ quanto si direbbe guardando i risultati dell’indagine che la Polizia Locale albese ha realizzato su richiesta dell’assessore Marco Marcarino, che ha voluto verificare l’andamento del traffico e il verificarsi di eccessi di velocità sulle due trafficate direttrici dopo le continue segnalazioni di vetture guidate da utenti della strada poco rispettosi di limiti qui fissati a 50 km/h.

Dal 14 al 23 aprile scorsi appositi "radar" hanno così rilevato i passaggi delle auto e la loro velocità nella zona dei passaggi pedonali di corso Cortemilia. Su un totale di 131.951 passaggi totali segnalati, ben 1.232 veicoli hanno superato i 90 km/h, in una zona con limite ai 50: se ci fosse stato un autovelox con presenza di vigili anche senza obbligo di fermata, ai guidatori sarebbe stata ritirata la patente. E, nei primi venti posti si va dai 115 km/h a 175 km/h, record fatto registrare il 14 aprile... a mezzogiorno!

Discorso non dissimile in corso Unità d’Italia, dove la rilevazione è avvenuta dal 6 al 12 aprile. Su 122.733 rilevazioni, ben 267 sono state in odore di ritiro patente con punte di velocità dai 97 ai 160 km/h (ore 0:38 dell’11 aprile).

«Partendo dalle segnalazioni di concittadini – spiega in proposito l’assessore Marcarino – ho voluto constatare strumentalmente la velocità tenuta degli utenti della strada in queste due tratte. Se leggiamo i dati vediamo che una parte di utenti, per fortuna minima, può diventare un pericolo, causa di incidenti e disgrazie. A fronte di questo stiamo valutando, dati alla mano, di installare un autovelox fisso con telecamera attiva che, alla presenza dei vigili urbani, segnalerà le sanzioni automatiche, senza l’obbligo di “stop” del veicolo. Questa analisi – prosegue l’assessore – mette in risalto due aspetti: l’alto passaggio di vetture su due importanti strade che portano in città, e la presenza di utenti della strada che, col loro comportamento scellerato, possono mettere a rischio la loro vita e quella altrui».

Livio Oggero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium