/ Politica

Politica | 20 maggio 2022, 20:00

Barge, Bene Comune: la candidata uscente Piera Comba racconta ciò che è stato fatto e quanto vorrebbe ancora fare

A partire da sabato 21 maggio una serie di incontri con la candidata in varie località del Comune di Barge, che racconterà ai residenti il programma che intende portare aventi nei prossimi 5 anni

Barge, Bene Comune: la candidata uscente Piera Comba racconta ciò che è stato fatto e quanto vorrebbe ancora fare

In questi 5 anni di mandato abbiamo cercato di dare una risposta ai vari temi che rappresentano il “Bene Comune” dalla cittadina di Barge. Abbiamo ottenuto bandi per un totale di circa 5,7 milioni di Euro, impiegati in diversi ambiti: recupero ambientale, urbanistica e cultura.

Non è mancata la nostra attenzione nell’ambito dell’agricoltura e dell’urbanistica grazie a diversi lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione, tra i quali si distinguono le asfaltature di diversi manti stradali per una spesa complessiva di € 1.645.000. Con i fondi provenienti da numerosi bandi che abbiamo vinto e che abbiamo investito nel nostro spazio urbano, ad esempio nell'area dell’ex lavatoio di via Corridoni, scelta operata tenendo conto anche delle preferenze espresse dai bargesi.

Abbiamo da sempre sostenuto i giovani incentivandoli e valorizzandoli, creando per loro luoghi di incontro ed eventi. La 24 ore di sport, la pizza in piazza, l’Aperiflower e il carnevale, che è tornato a Barge dopo 20 anni.

Abbiamo investito nell’infanzia e nell’età dello sviluppo: oltre alle numerose migliorie strutturali apportate alle scuole di Barge capoluogo, San Martino e Crocera, all’attenzione verso il nostro prestigioso Istituto alberghiero. Abbiamo cercato di offrire ai ragazzi anche nuovi strumenti educativi, multidisciplinari e basati su nuove forme di apprendimento.

Eventi, manifestazioni, Mostre, spettacoli, cicli di incontri tematici... Abbiamo cercato di intuire le esigenze di tutte le fasce di età e di offrire ai cittadini, per lo più a titolo gratuito, occasioni di apprendimento, ma anche di prevenzione e di divertimento.

Con l’aiuto delle nostre numerose associazioni e di importanti realtà imprenditoriali locali, abbiamo affrontato temi come la prevenzione dei tumori femminili, la lotta alla violenza di genere, il supporto ai bambini portatori di disabilità e l’invecchiamento sostenibile della popolazione. Abbiamo saputo mettere a frutto i gemellaggi che ci coinvolgono per trattare il tema delle emigrazioni, del lavoro e dell’inclusione sociale.

Infine abbiamo dato vita a nuove manifestazioni, senza mai tralasciare quelle storiche: L’8brata Bargese, il Ballo in Piazza, la festa di San Giovanni e molti altri... Con chiare ricadute positive su commercio e turismo.

 

Barge non sarebbe la stessa senza le sue numerose frazioni, che durante questi 5 anni di mandato sono state interessate da svariati interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria. Tra questi:

- Costruzione in via Lungaserra di due scogliere, regimazione acque e riasfaltature.

- Consolidamento di banchine stradali e asfaltature a Gabiola

- Ripristino di una frana con micropali a Ripoira

- Ricostruzione di 3 ponti a seguito di eventi alluvionali ad Assarti.

- Fognatura bianca e asfaltatura accesso e piazzale della chiesa e realizzazione del peso pubblico (in accordo con ditta privata) a Crocera.

- A San Martino/Torriana Installazione di punti luci e costruzione di scogliere in diversi punti del Ghiandone, per messa in sicurezza dopo eventi alluvionali.

 

L’ecologia e l’educazione ambientale sono state sostenute seguendo due importanti strade: l’educazione civica da un lato, a cui formare i cittadini sin da bambini, ed il recupero delle aree verdi abbandonate, dall’altro. Fondamentale è stata inoltre l’attività svolta attraverso l’Associazione Fondiaria e tanti cittadini per la salvaguardia del patrimonio boschivo locale, strumento fondamentale per la prevenzione del dissesto idrogeologico e la valorizzazione economica del territorio, ed è un orgoglio per noi aver utilizzato paleria locale in castagno per la realizzazione della recinzione del “Giardino per tutt*”

Un altro sostanzioso bando ci sta permettendo di dare vita al progetto “Cave.a”, grazie al quale le cave del Mombracco, oggi in disuso, verranno recuperate e godranno di una seconda vita, diventando luogo di attrazione e di memoria, testimonianza della ricchezza del suolo bargese, ma anche della fatica di chi lassù ha lavorato per decenni.

 

Ci sono però ancora tante cose che vorremmo fare.

Cosa abbiamo in mente per i giovani?

● Creazione di uno spazio polifunzionale adatto ad aula studio, coworking, progettazione di attività sul territorio.

● Creazione di uno sportello psicologico/ educativo, aperto anche alle famiglie.

● Sviluppo di corsi formativi legati al teatro, alla musica e alla danza.

● Realizzazione di luoghi e occasioni che favoriscano l’aggregazione giovanile con finalità ludiche e formative.

● Ideazione e realizzazione di un grande evento musicale con la partecipazione di figure dotate di un grande spessore artistico.

 

Cosa vogliamo fare per lo sport?

• Realizzazione presso gli impianti sportivi di un campo da padel e di un nuovo campo da calcio in erba sintetica

• Installazione canestri regolamentari per l’attività di mini basket (bambine e bambini) e basket

• Creazione di un “fitness point”, aree specifiche con attrezzature sportive per l’attività all’aria aperta

• Creazione di nuove aree gioco libero e di uno skate park

• Realizzazione di un campo da beach volley a Crocera

 

Cosa vogliamo fare per l’agricoltura e per l’ambiente?

• Recupero dell’ala mercatale anche in funzione di farmer market • Realizzazione studio reticolo idrogeologico minore e rii,

per definire le criticità e gli interventi risolutivi

• Incentivazione del risparmio energetico attraverso le installazioni

di pannelli fotovoltaici su tutti gli edifici pubblici

• Prosecuzione dell’adeguamento del piano regolatore alle

nuove esigenze dell’attività agricola

• Revisione e adattamento alle nuove necessità del Regolamento

di Polizia urbana e rurale

 

Cosa vogliamo fare per il commercio?

• Certificazione del brand “Made in Barge”, così da creare un ulteriore strumento per accedere a bandi

• Promozione e valorizzazione del patrimonio paesaggistico locale collegato alle eccellenze agroalimentari del territorio, attraverso

la creazione di percorsi dedicati, segnalati da apposita cartellonistica bilingue e con connessione landing page al sito del Comune

• Potenziamento e valorizzazione dell’appartenenza al Distretto del Commercio, come vetrina delle eccellenze produttive del territorio, puntando alla creazione di una piattaforma di e-commerce condivisa

• Conclusione del percorso di istituzione di un Eco Museo Diffuso delle Terre Resistenti, anche quale punto informativo e commerciale delle eccellenze del territorio

• Attenzione e ricerca di nuove sinergie per favorire le manifestazioni e gli eventi già organizzati sul territorio, attraverso una campagna di comunicazione a livello locale e nazionale.

A partire da sabato 21 maggio una serie di incontri con la candidata in varie località del Comune di Barge per raccontare il programma per i prossimi 5 anni.

informazione politica elettorale

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium