ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Economia

Economia | 24 maggio 2022, 07:00

Ferco, l'importanza cruciale del "facility management"

Il mondo del lavoro di oggi si caratterizza sempre più per il dinamismo, la proiezione nel futuro, la capacità di stare al passo coi tempi.

Ferco, l'importanza cruciale del "facility management"

Il mondo del lavoro di oggi si caratterizza sempre più per il dinamismo, la proiezione nel futuro, la capacità di stare al passo coi tempi (e anticiparli). E naturalmente anche, come abbiamo visto in occasione della pandemia Covid, per la capacità di affrontare le emergenze. Se le cose stanno così quali devo essere le caratteristiche di un’azienda di “facilities”, che si occupa di servizi alle imprese? Innanzitutto l’affidabilità. In un mondo in cui tutto si muove il valore principale è l’essere una sicurezza.

Un esempio eccellente in questo campo: la Ferco, azienda milanese che da 40 anni permette alle imprese di gestire il proprio lavoro in tranquillità. Si occupa di tutto l’aspetto relativo alle pulizie, del lavoro di reception e sicurezza, di logistica (prevalentemente interna) e in alcuni casi specifici di supporto all’organizzazione di eventi. Un’azienda che esiste da decenni sempre con la stessa struttura proprietaria, che lavora, sia nel cleaning che nell’organizzazione della reception con alcune delle più importanti realtà milanesi, da gruppi assicurativi di caratura internazionale a multinazionali della farmaceutica, e gestisce le pulizie di parte della metropolitana, vantando un rapporto consolidato con l’azienda di trasporti meneghina.

«Il nostro obiettivo principale è sempre stato creare un rapporto di fiducia con i nostri clienti -spiega il portavoce di Ferco, Riccardo Gerli. In un ambiente in cui ci si trova spesso ad avere a che fare con realtà non troppo stabili abbiamo fatto proprio della stabilità il nostro punto di forza». Ed è una stabilità, una sicurezza, messa alla prova dal periodo di emergenza che per fortuna si sta esaurendo, motivato dalla pandemia del Covid, che ha richiesto uno sforzo enorme: «Anche recentemente -spiega Gerli- si sono verificati casi di positività: a fronte di un solo caso è necessario mettere in sicurezza l’intero piano di un ufficio, procedendo velocemente alle operazioni di pulizia approfondita e di sanificazione. Anche in occasioni del genere, grazie a una struttura consolidata che ci permette di entrare in azione in tempi rapidi, siamo riusciti a fare fronte alle emergenze». E quali sono le sfide, oggi, per chi lavora nel campo “facilities”? «Innanzitutto -spiega Gerli- nonostante l’innovazione tecnologica il nostro rimane ancora un lavoro con una grossa componente umana, “artigianale”. Quindi da nostro punto di vista è importante il rapporto umano con chi lavora all’interno della nostra struttura.

Altrettanto importante è il rapporto con i clienti. I nostri clienti sanno che per qualsiasi esigenza, anche improvvisa, basta alzare il telefono e noi ci siamo. Per esempio per una pulizia di primo ingresso dopo una ristrutturazione edilizia, o per operazioni di logistica interna. La nostra idea è mantenere il rapporto modellando la nostra offerta sulle esigenze del cliente. Più che come un’azienda “esterna” ci piace vederci come un partner in grado di seguire, dare certezze e affidabilità alle persone con cui lavoriamo» conclude Gerli.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium