/ Politica

Politica | 24 maggio 2022, 14:11

Noemi Mallone (FDI): “Cuneo deve puntare sulla formazione di alto livello”

La candidata consigliere per Fratelli d'Italia a sostegno di Civallero ha le idee chiare sul futuro di Cuneo “Lo sviluppo sociale, economico e industriale di cui ha bisogno la città si deve basare su centri di ricerca avanzati, università e formazione tecnica"

La candidata consigliere Noemi Mallone con Giorgia Meloni

La candidata consigliere Noemi Mallone con Giorgia Meloni

 

Cuneo può e deve ambire ad essere qualcosa di più della sede distaccata dell’Università degli Studi di Torino. La nuova amministrazione darà alla città la forza di ergersi come polo di ricerca avanzato. È importante avere sul territorio centri di ricerca che facciano da massa critica per lo sviluppo scientifico ed economico, nostro obiettivo primario.”

Noemi Mallone avvocato candidata consigliere per FDI nella coalizione di centrodestra a sostegno di Franco Civallero sindaco – nel suo programma politico parla di sviluppo economico, del lavoro come valore e del sostegno agli imprenditori. “Dare ai giovani di questa città possibilità concrete di carriera professionale, permetterà di attivare un moto positivo capace di portare sviluppo e progresso alle nostre imprese, valorizzando tutto il territorio. Partire dalla formazione è fondamentale. Cuneo deve tornare ad essere una città attrattiva per i giovani, soprattutto per le personalità ricche di talento che, ad oggi, sono molto più incentivate ad andare a far la fortuna di altri territori.”

Mallone conosce bene le problematiche in cui possono incorrere i giovani: “Mancano in città corsi di laurea adeguati a quello che tessuto imprenditoriale locale, oltre a prestigiosi master professionalizzanti in ambito sanitario, in materia di credito, gestione del rischio e del risparmio, tutte materie su cui avevamo un ruolo di prim’ordine che le amministrazioni precedenti hanno via via ridotto. Anche a livello di servizi abbiamo bisogno di potenziare l’offerta per dare un motivo concreto alle persone di talento di investire su questo territorio facendone la fortuna.

Parlando di formazione e servizi non si può fare a meno di pensare alla scuola in ogni suo ordine e grado: “È necessario potenziare i servizi a sostegno delle famiglie con figli in età scolare, dalla prima infanzia alle Università di cui parlavo poco fa. Se chiediamo ai giovani di fermarsi in città dobbiamo offrire loro in cambio la possibilità di realizzarsi sia dal punto di vista personale che professionale. Serve un potenziamento delle strutture e dei servizi come il dopo-scuola, il trasporto pubblico, le mense.”

Mallone crede fortemente nel rilancio economico del territorio: “Per riportare Cuneo tra le città più importanti per quando riguarda la formazione, dobbiamo istituire laboratori, centri di ricerca e centri di specializzazione. Formeremo i tecnici di cui le nostre imprese hanno bisogno e daremo loro un ottimo motivo per restare. Il nostro è un territorio ricco di storia e tradizioni, per rilanciarlo non dobbiamo inventarci nulla, solo ripartire dal riconoscere e valorizzare quanto di buono abbiamo costruito negli anni, prima che tutto venisse squalificato da una mancanza di progettazione a medio e lungo termine.”

E conclude: “Dobbiamo attivare in città altri corsi di laurea in linea con quelle che sono le esigenze del tessuto economico e industriale del territorio. Voglio impegnarmi per avviare un dialogo costruttivo con le Università, la Regione e le fondazioni per investire nella formazione. Io credo molto nel potenziale dei giovani e voglio impegnarmi per creare le condizioni adatte per far emergere i meritevoli, perché è a partire dalle eccellenze che si fa crescere la città”.

Sulla scheda elettorale #scrivimallone


informazione politica elettorale

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium