/ Curiosità

Curiosità | 24 maggio 2022, 16:10

“A Cuneo ho sfilato in ricordo di mia nonna Angela di Montaldo Mondovì”

Intervista a Chiara Caldarini, 19 anni, componente della Fanfara di Roma “Nulli Secundus”. Nata a Roma ma di origini cuneesi, ha partecipato al 69° Raduno dei Bersaglieri: “È stato davvero emozionante. I raduni al Nord sono sempre molto sentiti. A Cuneo ci siamo trovati molto bene, così come a Racconigi. L'accoglienza è stata calorosa e l'organizzazione perfetta”

Chiara Caldarini - foto Roberto Bove

Chiara Caldarini - foto Roberto Bove


Da un anno fa parte della Fanfara dei Bersaglieri di Roma “Nulli Secundus”. Al momento è l'unica donna ed ha origini cuneesi. Chiara Caldarini, 19 anni, ha partecipato al 69° Raduno Nazionale dei Bersaglieri che si è chiuso domenica a Cuneo. Con i colleghi di fanfara è stata ospite del comune di Racconigi.

Per lei è stato un Raduno speciale: “Sono nata a Roma, dove vivo, ma sono molto legata alla Granda. Angela, la mia nonna materna che purtroppo è scomparsa nell'ottobre scorso, era originaria di Montaldo Mondovì. Quando c'è stato l'annuncio del Raduno a Cuneo, ero al settimo cielo. Qui vive parte della mia famiglia. Nei giorni dell'evento sono venuti tutti a vedermi. È stato davvero emozionante. Domenica ho sfilato per mia nonna Angela, sarebbe stato bello averla tra il pubblico”.

Com'è stata l'accoglienza in Granda?

I raduni al Nord sono sempre molto sentiti. A Cuneo ci siamo trovati molto bene, così come a Racconigi. L'accoglienza è stata calorosa e l'organizzazione perfetta”.

Non sono molte le donne che fanno parte delle fanfare dei bersaglieri. Perché questa scelta?

Mio nonno paterno era bersagliere. Mi ha sempre portata a servizi e raduni. È un mondo che mi ha sempre appassionato. Il mio sogno, fin da piccola, è quello di entrare nelle forze armate. Alcuni amici di scuola che facevano parte della fanfara mi hanno portato e ho deciso di unirmi a loro”.

Cosa significa far parte di una Fanfara dei Bersaglieri?

La Fanfara dei Bersaglieri di Roma Nulli Secundus conta circa una quarantina di elementi. È una fanfara di bersaglieri in congedo. Tra i suoi molteplici impegni sia sul territorio nazionale che all’estero, la Fanfara annovera tantissimi concerti. Ha sempre partecipato ai raduni nazionali ed è intervenuta a numerose cerimonie civili, militari e anche a tante manifestazioni sportive. Il motto “Nulli Secundus” secondi a nessuno, è del 2° reggimento bersaglieri la cui sede è stata fino al 1940 a Trasvere nella caserma La Marmora, ora sede dell'Associazione Nazionale Bersaglieri. Io suono la tromba ed è un onore farne parte”.

Quanto vi allenate per suonare e soprattutto per suonare di corsa?

Le peculiarità della fanfara sono essenzialmente due, suonare solo strumenti ad ottone (trombe, flicorni, bassi) e suonare di corsa. Ci troviamo ogni lunedì per provare i brani e la formazione. Suonare di corsa è un esercizio molto difficile che richiede grande preparazione, fiato, concentrazione ed allenamento. Grande merito lo dobbiamo al Capo Fanfara Silvano Curci. È lui che ci guida e ci aiuta e migliorare sotto ogni punto di vista, consigliandoci in seguito alla sua esperienza e ascoltando le nostre opinioni e le nostre idee”.

Cristina Mazzariello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium