/ Attualità

Attualità | 24 maggio 2022, 13:30

L'atrio della scuola di Villanova Mondovì si colora con un mosaico gigante creato dai bambini

Tante tessere arcobaleno, personalizzate liberamente, abbelliscono ora l'ingresso al plesso, dove le insegnanti hanno trattato con cura e sensibilità anche il tema della guerra in Ucraina

L'atrio della scuola di Villanova Mondovì si colora con un mosaico gigante creato dai bambini

In inglese si chiamano "rainbow tiles", tessere arcobaleno, ma per i bimbi della scuola primaria di Villanova Mondovì sono un insieme di colore, entusiasmo e voglia di ripartire. 

Grazie al lavoro delle maestre, ciascun bambino ha contribuito a creare una tessera del mosaico che oggi impreziosisce l'atrio di ingresso alla scuola: tante sagome uguali, ma tutte personali, ognuna con le proprie peculiarità e caratteristiche, esattamente come i bambini. 

Un progetto accolto con entusiasmo dalle rappresentanti di classe che, lo scorso 12 maggio, dopo tanto tempo di riunioni online a causa del covid, sono tornate a incontrarsi in presenza. 

"Abbiamo trovato una scuola colorata e bella - spiegano -, rallegrata da tutti i lavori che i bambini, nonostante lockdown e guerra hanno fatto. In particolar modo l'atrio è stato impreziosito dalle sagome che i bambini hanno ricevuto dalle maestre e personalizzato liberamente. Tutti i disegni sono stati attaccati alla parete creando un effetto davvero strepitoso. Pur utilizzando la stessa sagoma e i colori tradizionali, ogni bambino ha prodotto un lavoro diverso e originale, a dimostrazione di come ognuno di noi sia unico e insostituibile". 

Le attività della scuola, però, visto il particolare momento storico che stiamo vivendo, si sono concreate anche sull'attualità: le maestre del plesso hanno affrontato il tema della guerra che sta coinvolgendo Ucraina e Russia.

Il tema è stato trattato con grande sensibilità, parlando soprattutto dell'importanza della pace e realizzando un cartellone a tema con la poesia di Gianni Rodari "La luna di Kiev". Una lettura commovente e necessaria, che ha saputo trasmettere un senso di consapevolezza e tranquillità in tutti i bambini che, hanno appreso, l'importanza della solidarietà, perché "La Luna di Kiev è la stessa che guardiamo tutti noi".

"Ringraziamo davvero tutto il corpo insegnanti - concludono le rappresentanti -, per l'attenzione e la cura con cui sono stati affrontanti questi importanti e difficili temi". 

Arianna Pronestì

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium