/ Cronaca

Cronaca | 20 giugno 2022, 17:33

Fermato durante il coprifuoco, gli trovarono 23 chili di cocaina in auto: condannato a sette anni in primo grado

L’uomo, 49enne di Verzuolo ma domiciliato in Svizzera, giudicato con rito abbreviato al Tribunale di Cuneo, è attualmente sottoposto ai domiciliari. L’impugnazione è già stata depositata alla Corte d’appello di Torino. Ora si attende la pronuncia di secondo grado

La droga sequestrata dalla Polizia

La droga sequestrata dalla Polizia

A gennaio 2021, quando vigeva la ‘zona arancione’ e dunque, servivano motivazione valide per uscire dal proprio comune di residenza, ci fu un controllo della Polizia (per la verifica del rispetto delle normative anti-Covid) lungo la strada provinciale che porta a Verzuolo.

A bordo della sua auto, un Suv, venne fermato Marin Dajani. L’uomo, 49enne operaio in Svizzera ma di origine albanesi, aveva nascosti tra i sedili anteriori 23kg di cocaina sotto forma di panetti avvolti nel cellophane, tra i 500 grammi ed un chilo ciascuno.

Le autorità lo arrestarono e lo condussero in carcere a Cerialdo e qui venne messo in custodia cautelare. Dajani, assistito dagli avvocati Pier Mario Morra e Fabrizio Cardinali, venne rinviato a giudizio con rito abbreviato davanti al tribunale di Cuneo con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio aggravata dall’ingente quantitativo.

A fronte della richiesta di condanna a 12 anni di reclusione da parte della Procura, rappresentata dal p.m. Francesca Lombardi, il giudice dell’udienza preliminare Sabrina Nocente ha condannato l’imputato a 7 anni di reclusione, oltre al pagamento di 60mila euro di multa. Il gup aveva anche sostituito la misura cautelare in carcere con i domiciliari.

Nella sentenza emessa in primo grado si legge che “non sono emersi elementi sufficiente a dimostrare che l’imputato ricoprisse posizioni di maggiori rilievo”, dunque il ruolo di Dajani è riconducibile a quello di “corriere estemporaneo”, come spiegato dall’avvocato Morra.

L’impugnazione è già stata depositata alla Corte d’appello di Torino. Ora si attende la pronuncia di secondo grado.  

CharB.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium