/ Economia

Economia | 21 giugno 2022, 07:00

Polonia e Ucraina: accoglienza dei rifugiati, contrasti storici e politici

Storicamente, Polonia e Ucraina hanno sempre avuto interessi contrastanti. Oggi, invece, a livello politico e sociale Varsavia sembra essersi disposta in modo favorevole rispetto a Kiev

Polonia e Ucraina: accoglienza dei rifugiati, contrasti storici e politici

Storicamente, Polonia e Ucraina hanno sempre avuto interessi contrastanti. Oggi, invece, a livello politico e sociale Varsavia sembra essersi disposta in modo favorevole rispetto a Kiev. L’accoglienza dei rifugiati ucraini, ad esempio, è stata molto larga e generosa, ma con dei punti oscuri che generano malumori: la Polonia infatti lascia che i profughi di passaporto ucraino restino sul suo territorio mentre pone condizioni stringenti verso coloro che, pur scappando anch’essi dalla guerra, hanno solamente un permesso di soggiorno ucraino e appartengono ad altre nazionalità. Invece, come riporta il sito Strumenti Politici, prima della crisi lo scontro legislativo era notevole: Varsavia aveva infatti risposto alla legge ucraina sul negazionismo della resistenza anti-sovietica con una sua legge che vieta di negare le atrocità commesse sui polacchi da parte degli ucraini tra il 1925 e il 1950. Questa norma definisce “genocidio” i massacri della Volinia e della Galizia orientale, nei quali morirono in maniera terribile quasi 100mila persone (di cui molte donne e bambini) per mano dell’Esercito Insurrezionale Ucraino (UPA), schierato dalla parte della Germania nazista. Il problema non ancora risolto è rappresentato dagli onori che vengono tributati in Ucraina a Stepan Bandera, il leader nazionalista che guidava l’UPA e che oggi a Kiev viene celebrato come un padre della Patria. Le circostanze attuali hanno in qualche modo avvicinato le posizioni dei due Paesi, unendoli contro il comune nemico rappresentato dalla Russia, ma i polacchi certamente non dimenticano quell’orribile pagina di storia, e inoltre i loro vertici politici per lungo tempo disprezzarono gli ucraini ritenendoli incapaci di creare uno Stato vero e proprio e credendo che sarebbero stati assorbiti dai russi o dai polacchi stessi.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium