/ Economia

Economia | 23 giugno 2022, 14:56

Realizza il tuo sogno di avere un bambino: scegli la fecondazione assistita

Oggigiorno, un numero sempre maggiore di coppie ha più difficoltà ad avere figli e bambini

Realizza il tuo sogno di avere un bambino: scegli la fecondazione assistita

Oggigiorno, un numero sempre maggiore di coppie ha più difficoltà ad avere figli e bambini. Ciò è determinato dai ritmi di vita stressanti, dall’incapacità di procreare, dalla sterilità dovuta a condizioni ambientali poco favorevoli.

Tuttavia, il sogno di diventare genitori, mamma e papà, non può essere lasciato nel cassetto. La tecnologia ha fatto passi da giganti e sempre più donne e uomini possono abbracciare la possibilità di una gravidanza senza troppi problemi. Ad esempio, ci sono centri specialistici come IVF praga che mettono a disposizione della coppia tutti i trattamenti possibili per combattere l’infertilità delle coppie provenienti da tutto il mondo. Le modalità attraverso cui questo processo avviene sono molto interessanti e adatte a tutte. Vediamo nello specifico come superare questa situazione.

Come funziona la procreazione assistita? Fasi di analisi

Si tratta di un processo che è sempre più all’avanguardia e che aiuta coppie di tutto il mondo ad ottenere una gravidanza. La fecondazione assistita si basa su un concetto molto semplice: unire l’ovocita allo spermatozoo al di fuori del corpo della donna. Infatti, ci sono sempre più coppie che non riescono ad avere un bambino utilizzando i propri gameti e, pertanto, si adopera la soluzione della fecondazione assistita utilizzando ovuli e sperma da donatori anonimi idonei.

Detto questo, è importante capire quali sono i passi da rispettare per arrivare ad una fecondazione assistita di successo. In primis, è previsto un consulto iniziale durante il quale gli esperti offriranno informazioni in merito al trattamento in sé e agli esami che si effettueranno.

Il secondo passo, invece, si traduce in una valutazione della capacità riproduttiva della coppia. Pertanto, verranno fatti degli esami mirati riguardanti il grado di fertilità di entrambi i partner e capire quali sono le cause di infertilità che possono verificarsi in entrambi i sessi.

L’esame che riguarda l’uomo è il cosiddetto spermiogramma, ovvero il metodo migliore per determinare il livello di infertilità maschile. Invece, l’esame di fertilità sulla donna riguarda esami ginecologici e dei livelli ormonali in maniera tale da determinare quali sono le cause di infertilità e aiutare il soggetto ad ottenere la gravidanza.

Proseguendo nella procreazione assistita, si capisce qual è miglior trattamento che può essere applicato al caso specifico nella coppia. Il medico, quindi, sarà in grado di suggerire il metodo migliore basato sulla diagnosi e sui risultati medici. Tra le opzioni ci sono l’ovodonazione, embriodonazione, FIVET con sperma donato, FIVER omolo

Le fasi operative di una fecondazione assistita

In definitiva, ci sono una serie di metodi di laboratorio consigliati che aumentano la possibilità di successo del trattamento. Il primo è la cosiddetta stimolazione che stimola, appunto, la crescita dei follicoli da cui si ottengono gli ovociti. A tal proposti si possono utilizzare dei farmaci che aumentano lo spessore dell’endometrio per permettere di ricevere l’embrione.

Poi c’è il prelievo ovocitario e del liquido seminale. Questo avviene in base al metodo scelto e vengono prelevati degli ovuli o dalla paziente oppure dalla donatrice. Il prelievo viene effettuato tramite anestesia e il partner consegna il liquido seminale. Oppure, si utilizzano gli spermatozoi congelati dalla banca del seme.

Un’altra tecnica riguarda la fecondazione in vitro in cui gli ovociti maturi vengono fecondati con gli spermatozoi del partner. Tra i metodi alternativi c’è anche la coltivazione degli embrioni il cui obiettivo è quello di determinare un processo di sviluppo embionale per determinare il momento migliore per effettuare il trasferimento dell’embrione in maniera tale che la probabilità massima di gravidanza si intercetti.

Infine, dopo il tranfer ci dovrebbe essere finalmente un test di gravidanza positivo. Quindi, tantissimi auguri per la vostra gravidanza!

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium