ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Politica

Politica | 27 giugno 2022, 19:23

Affluenza, mai così in basso. Storia di una disaffezione che cresce da trent’anni

Il 23 aprile 1995 Sergio Soave divenne primo cittadino di Savigliano in una tornata partecipata dall’87% degli elettori. A Cuneo, 27 anni dopo, solo il 37% degli aventi diritto ha scelto di esprimersi al ballottaggio. Un trend che peggiora a ogni tornata

Affluenza, mai così in basso. Storia di una disaffezione che cresce da trent’anni

Urne chiuse. Festa a Cuneo per Patrizia Manassero e a Savigliano per Antonello Portera. Cala il sipario su questa tornata elettorale: sancito un cambio di rotta nel comune dei Santarosa, mentre la città dei sette assedi resta ancorata alla continuità.

I prossimi giorni si divideranno tra analisi della sconfitta e gestione degli equilibri elettorali per formare le rispettive giunte. Passati i quali si passerà al lavoro di consiglio. Ognuno dalle rispettive sponde e con il peso (politico) restituito dal voto di ciascun elettore.

Un diritto, quello del voto, che sempre meno persone esercitano. Lo dicono i dati dell'affluenza nelle elezioni amministrative dal 1995 a oggi. Stando sui soli due Comuni che ieri hanno terminato le loro operazioni di scrutinio, nello storico degli ultimi 30 anni si nota come il trend della partecipazione degli elettori sia costantemente in calo.


QUANDO A SAVIGLIANO VOTAVA L’87% DEI CITTADINI
Prendiamo le elezioni del 23 aprile 1995. Al primo turno a Savigliano votarono in 13.354 (pari all’86,85% degli aventi diritto), mentre a Cuneo furono 39.061 a recarsi alle urne (pari all’84,44%).

In entrambi i casi si andò al ballottaggio. Nel comune saviglianese vinse Sergio Soave contro Piergiorgio Pagano: l’affluenza in quel caso si abbassò al 76,92%. Nel capoluogo Elio Rostagno si impose sull’avversario Giovanni Cerutti: affluenza al 74,34%.

Nella successiva tornata furono entrambi confermati primi cittadini. Soave si impose al primo turno con un ampio margine di distacco rispetto al centrodestra di Caterina Ugliengo. Furono 13.447 gli elettori che andarono a votare (pari all’82,04% degli aventi diritto).

A Cuneo Rostagno la spuntò nel ballottaggio con Guido Bonino. Nel primo turno votarono 35.993 elettori (il 78,32%), al ballottaggio la percentuale di chi si recò alle urne scese al 59,80%.


NUOVO MILLENNIO, CALA L’AFFLUENZA
Si entra nel nuovo millennio. Cambiano i protagonisti e l’affluenza cala, ma rimane perlopiù stabile.

A Savigliano si vota nel 2004. Aldo Comina diventa sindaco avendo la meglio al ballottaggio su Marco Buttieri. Nel primo turno votarono in 13.420 pari all’80,49%. Nel secondo turno il 64,03%.

A Cuneo nel 2002 Alberto Valmaggia si impose, anche lui al secondo turno, su Angelo Giordano. Alla prima tornata si presentarono in 34.841 (76,76%), percentuale calata al 69,90% quindici giorni dopo.

A Savigliano il 2009 segna il ritorno di Sergio Soave eletto sindaco al primo turno con un buon distacco da Piergiorgio Rubiolo. L’affluenza fu del 76,49% corrispondente a 12.872 voti.

A Cuneo nel 2007 si impone ancora Valmaggia questa volta senza ballottaggi: superando il 50% con un discreto vantaggio sul candidato del centrodestra Carlo Alberto Parola. Votarono in 34.129 (76,23%).


L’ERA BORGNA NON STIMOLA IL RITORNO ALLE URNE
A Savigliano nel 2014 Claudio Cussa vince al ballottaggio dove ancora una volta si trova Marco Buttieri. Nel primo turno votarono in 12.403 (71,78%), al ballottaggio il 49,77%.

A Cuneo nel 2012 il primo mandato di Federico Borgna si chiude con un ballottaggio con Gigi Garelli. Primo turno votano in 30.694 (68,78%), affluenza scesa al 53,49% al secondo turno.
 
A Savigliano si torna alle urne nel 2017. La spunta Giulio Ambroggio contro il candidato del centrodestra Tommaso Gioffreda. Affluenza ancora in calo. Primo turno con 10.817 votanti (61,47%), che al secondo turno scesero al 49,90% degli aventi diritto.

Stesso anno. Borgna si riconferma primo cittadino del capoluogo sfiorando il 60% delle preferenze al primo turno. Molto più indietro Giuseppe Menardi. Votarono in 26.531 (58,66%).


2022: ANNUS HORRIBILIS PER AFFLUENZA
E arriviamo ai giorni nostri, che attestano il dato più basso di affluenza. Un segno di disaffezione che, bisogna dirlo, si segnala a livello nazionale in tutti i comuni andati al voto.

A Savigliano Antonello Portera è il nuovo sindaco superando al ballottaggio il candidato Gianfranco Saglione. L’affluenza al primo turno è bassissima. Votano in 9.561 (il 55,04%). Dato che si abbassa ulteriormente al ballottaggio (42,16%).

A Cuneo Patrizia Manassero vince il ballottaggio con Franco Civallero. L’affluenza al primo turno è stata del 54,51% corrispondente a 25.018 elettori. Bassissima la percentuale del ballottaggio: 36,74%.

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium