ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 28 giugno 2022, 12:53

Bra, dalla transazione sulla tangenziale 200mila per le casse comunali

In Consiglio passa la variazione di bilancio che recepisce anche 100mila euro di contributi statali per fronteggiare in parte le maggiori spese per le utenze

Un'immagine d'archivio dal Consiglio comunale braidese

Un'immagine d'archivio dal Consiglio comunale braidese

Nel pomeriggio di ieri, lunedì 27 giugno, è tornato a riunirsi il Consiglio comunale di Bra. Diversi i punti all’ordine del giorno, ma a tenere banco sono stati ancora una volta i temi economici.

L’assemblea era chiamata infatti a ratificare la terza variazione al bilancio di previsione 2022/2024 già adottata dalla Giunta comunale. Il testo prevede il recepimento di circa 100 mila euro di contributi statali per fronteggiare in parte le maggiori spese per le utenze. Sul fronte entrate si registrano ancora 191.600 euro provenienti dalla transazione che chiude la lunga causa con la famiglia Allocco e la INC risalente alla costruzione della tangenziale di Bra, maggiori entrate per 158 mila euro, altri 50 mila euro provenienti dalla Regione per l’ospitalità dei profughi ucraini e infine un contributo da 12 mila euro da parte della Fondazione Crc per i centri estivi.

Per quanto riguarda le uscite, invece, le voci principali sono quelle relative ai 30 mila euro stanziati per finanziare i voucher distribuiti alle aziende per il caro energia, i 12.500 euro di spese per i seggi elettorali e i 12.700 euro di contributo versato dal Comune all’Ente Turismo Langhe, Monferrato, Roero.

La discussione si è presto spostata sull’uso dei fondi PNRR, con la minoranza che ha anticipato l’intenzione di astenersi dalla votazione della variazione in quanto non “si condivide le scelte fatte dall’Amministrazione” (Giuliana Mossino, Lega). In particolare, il consigliere Davide Tripodi prima (Bra Domani) e Sergio Panero poi (Insieme per Panero - Gruppo civico) hanno puntato il dito contro il progetto di riqualificazione dell’ex macello: “Un progetto che non abbiamo mai votato”.

A replicare è stato il sindaco Gianni Fogliato: “Abbiamo presentato due progetti relativi al recupero di Palazzo Garrone e dell’ex mattatoio che avevano le caratteristiche richieste dal bando, ed infatti entrambi hanno ottenuto il massimo dei fondi. Purtroppo non potevamo presentare il progetto dell’acquisto dell’area dell’ex scalo merci o per la realizzazione di un sottopasso ferroviario. Mancavano dei requisiti necessari e quindi sarebbero stati respinti. Se usciranno altri nuovi bandi noi sicuramente parteciperemo”.

Il documento è passato con i soli voti della maggioranza.

Un regolamento per la pista da skate

Il nuovo skate park realizzato all’interno dell’area sportiva presso la scuola Dalla Chiesa piace molto a giovani e giovanissimi, sempre numerosi. L’intenzione dell’Amministrazione, come illustrato dall’assessore allo sport Daniele Demaria, è di rendere questo un luogo di ritrovo per favorire sport e socialità tra i giovani, una sorta di oratorio laico, che può contare sulla presenza costante di educatori di strada.

D’ora in avanti per poter usufruire della pista si dovrà rispettare il regolamento approvato dal Consiglio comunale che impone l’uso del casco (si consigliano anche le protezione personali come ginocchiere e paragomiti) e vieta il consumo di alcolici (oltre che fumare) all’interno della struttura e nell’area verde circostante. Vietati, tra l’altro, anche l’acceso fuori dagli orari previsti e l’introduzione di animali.

La delibera ha ottenuto il voto favorevole di tutte le forze consiliari, che si sono dette soddisfatte del risultato raggiunto. La minoranza, per bocca del consigliere Mossino, ha invitato la Giunta a valutare un ampliamento della pista con la realizzazione di una “buca”.

Brain, consulte e Commissione di partecipazione dell’asilo nido

Nel corso della seduta il Consiglio comunale ha preso atto della modifica dello statuto dell’associazione Brain. Nata nel 2007 su iniziativa congiunta del Comune e dell’Ascom con l’obiettivo di creare e gestire una rete di connettività pubblica, nel tempo ha saputo cambiare volto. Così, nel 2014 ha iniziato ad occuparsi di co-working, creando il primo spazio di condivisione delle postazioni di lavoro tra giovani imprenditori e adesso si accinge ad un nuovo passo ampliando il raggio della sua azione alle start up innovative, con l’obiettivo di creare un vero e proprio incubatore d’impresa. La delibera è stata approvata all’unanimità, così come quella relativa all’adeguamento dei regolamenti relativi alle consulte comunali del volontariato, delle famiglie e delle pari opportunità per consentire a questi organismi di effettuare sedute in via telematica.

Infine l’assemblea ha provveduto a nominare i due componenti comunali della Commissione di partecipazione dell’asilo nido, indicando i consiglieri Marina Isu per la maggioranza e Giuliana Mossino per la minoranza.


Interrogazioni

In apertura di seduta l’assemblea ha discusso diverse interrogazioni presentate dalla minoranza, relative all’abbandono di rifiuti in diverse zone della città e in particolare in piazza Roma, allo stato di degrado di diverse aree verdi urbane, al pessimo stato del marciapiede viale Rimembranze, allo stato della progettazione della nuova scuola superiore che verrà realizzata in piazza Arpino, nonché ai programmi dell’Amministrazione comunale circa l’acquisto dell’area dell’ex scalo merci ferroviario.

Il video integrale della seduta è visibile sulla pagina You Tube del Comune di Bra.

C. S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium