ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 28 giugno 2022, 15:13

Corte Europea Diritti dell’Uomo condanna la Russia per la persecuzione dei Testimoni di Geova

Storica sentenza ha dichiarato illegale il divieto imposto nel 2017 alle loro attività chiedendo il rilascio dei fedeli attualmente detenuti e la restituzione dei beni illegalmente confiscati

Le proprietà della filiale confiscate dal governo russo, che comprendevano 14 edifici su una superficie di oltre 100.000 metri quadrati nella periferia di San Pietroburgo

Le proprietà della filiale confiscate dal governo russo, che comprendevano 14 edifici su una superficie di oltre 100.000 metri quadrati nella periferia di San Pietroburgo

Il 7 giugno scorso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha emesso una storica sentenza contro la Russia per la persecuzione nei confronti dei Testimoni di Geova. La Corte ha dichiarato illegale il divieto imposto dalla Russia nel 2017 alle attività dei Testimoni di Geova. La Corte ha dichiarato illegale anche la proscrizione delle pubblicazioni cartacee e del sito jw.org. Alla Russia è stato intimato di interrompere tutti i procedimenti penali in corso contro i Testimoni e di rilasciare chi è in prigione. È stato inoltre ordinato alla Russia di restituire tutte le proprietà confiscate o in alternativa di pagare 59.617.458 euro come risarcimento per i danni materiali. Infine alla Russia è stato ingiunto di pagare ai ricorrenti un totale di 3.447.250 euro per danni morali.

La sentenza si riferisce a 20 casi portati all’attenzione della Corte tra il 2010 e il 2019 e coinvolge oltre 1.400 ricorrenti, sia singoli testimoni di Geova sia enti giuridici, ma questa sentenza riguarda molte più persone. Nella sentenza viene stabilito che la Russia “deve adottare tutte le misure necessarie per garantire che vengano interrotti tutti i procedimenti penali in corso contro i Testimoni di Geova [...] e rilasciare tutti i Testimoni che sono stati privati della loro libertà”. La sentenza scagiona tutti i fratelli e le sorelle dentro e fuori la Russia perché stabilisce legalmente che sono cittadini rispettosi della legge e che sono stati ingiustamente accusati e imprigionati.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium