ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 30 giugno 2022, 16:04

In Granda 26.000 pensionati protagonisti attivi in oltre un'azienda agricola su quattro

Coldiretti ha celebrato oggi (giovedì 30 giugno) a Entracque la 24^ giornata provinciale dell'Associazione Pensionati

In Granda 26.000 pensionati protagonisti attivi in oltre un'azienda agricola su quattro

Sono 26.000 i pensionati cuneesi che restano protagonisti attivi nelle aziende agricole di famiglia, offrendo solide basi per la crescita della nostra agricoltura. È quanto evidenzia Coldiretti Cuneo in occasione della 24esima Giornata provinciale dei Pensionati che si celebra oggi a Entracque, in valle Gesso, con oltre 400 pensionati Coldiretti da ogni angolo della Granda.

In più di 1 impresa agricola su 4 – secondo un’indagine Ixè commissionata dal Patronato EPACA di Coldiretti – lavorano in modo occasionale o continuativo degli ultrasettantenni che, con la loro esperienza, arricchiscono di insegnamenti utili le giovani generazioni chiamate a prendere in mano le redini delle aziende. Gli anziani sono ambasciatori di cultura contadina – evidenzia Coldiretti Cuneo – custodi di tradizioni, portatori di un bagaglio di valori irrinunciabile per i più giovani, oltre ad essere esempio di tenacia, impegno instancabile e attivismo.

E proprio l’attivismo dei “senior” non è mancato oggi, in una giornata di convivialità inaugurata dalla Santa Messa officiata dal Vescovo di Cuneo e Fossano, Mons. Piero Delbosco, che ha ricordato i princìpi e gli ideali di un’esistenza scandita dai ritmi della terra e il valore della terra stessa, “da non violentare mai”.

Alla giornata hanno partecipato i dirigenti e funzionari di Coldiretti Cuneo, il Presidente dell’Associazione regionale Pensionati Pier Luigi Cavallino e il Presidente dell’Associazione provinciale Pensionati Dino Ambrogio, affiancato dai Vicepresidenti Elsa Bonamico e Giancarlo Sevega.

Dopo due anni in cui abbiamo dovuto sospendere la Giornata dei Pensionati causa pandemia – dichiara il Presidente Ambrogio – l’appuntamento di oggi acquista un valore simbolico ancora più importante. Torniamo finalmente a celebrare il duro e prezioso lavoro dei nostri soci pensionati, protagonisti della rinascita agricola del Dopoguerra. A loro va il nostro grazie per essere il punto di riferimento per la famiglia, per la Coldiretti e per il buon funzionamento delle imprese agricole”.

La nuova agricoltura, che concilia innovazione e tradizione, non può rinunciare al prezioso patrimonio dei nostri pensionati: i giovani imprenditori e le generazioni future non possono fare a meno di queste grandi persone che, nonostante la pensione, continuano a dare il loro contributo e a preservare i territori. È indispensabile, quindi, che le Istituzioni mettano in atto politiche che tutelino seriamente l’autonomia personale anche mediante migliori e più accessibili servizi di assistenza. Non può che starci a cuore la salute, la prevenzione e la sicurezza dei nostri pensionati, oltre all’assicurare loro delle pensioni adeguate” evidenzia Enrico Nada, Presidente di Coldiretti Cuneo.

La festa di oggi si conferma un grande momento di incontro e confronto con i nostri soci, elemento fondante dell’azione di Coldiretti. I pensionati sono un modello per i nostri giovani, per la dedizione, l’orgoglio, ma anche per la fedeltà alla nostra Organizzazione, perché negli oltre 70 anni di storia Coldiretti, se abbiamo potuto realizzare risultati importanti è stato grazie alla mobilitazione quotidiana di ognuno di loro” rimarca il Direttore di Coldiretti Cuneo Fabiano Porcu.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium