ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 30 luglio 2022, 17:19

Nella nuova seduta tesa del consiglio comunale di Sant'Albano tengono banco il ponte su via Trinitá e le prerogative dei consiglieri

Secco botta e risposta tra Sindaco e minoranza su molti punti, sì unanime alla convenzione per il parco, alla minoranza il compito di progettare lo streaming delle sedute

Nella nuova seduta tesa del consiglio comunale di Sant'Albano tengono banco il ponte su via Trinitá e le prerogative dei consiglieri

Una nuova seduta di Consiglio, tesa e a tratti conflittuale, si è tenuta giovedì 28 luglio per l'amministrazione di Sant'Albano.

Dopo l'approvazione dei verbali della seduta precedente: l'illustrazione delle variazioni di bilancio.

Le voci in entrata comprendono 4 mila euro in più per canoni e spazi pubblici, circa 20 mila euro di contributi ministeriali per il pagamento della utenze e 23 mila euro di contributi per progettazione territoriale.

Le risorse andranno in spesa per le bollette e per la progettazione.

É stato inoltre rilevato come il fondo crediti di dubbia esigibilità sia diminuito di circa 3 mila euro.

Le consigliere di opposizione Operti e Leone, dopo aver sottolineato la necessità di una verbalizzazione precisa delle sedute, hanno incalzato il sindaco Bozzano a proposito della questione relativa al ponte di via Trinitá, sul quale insiste una ordinanza di senso unico causa deperimento.

Il nodo del contendere é parso essere la discrepanza tra le informazioni fornite ai consiglieri e quelle trasmesse alla stampa locale. Bozzano avrebbe infatti comunicato il no della soprintendenza al progetto del ponte, salvo poi a stretto giro, affermare che in un ultimo sopralluogo la soprintendenza avrebbe concordato alcune modifiche essenziali per il proprio nulla osta alla realizzazione. Dalle affermazioni della minoranza appare la mancanza totale di dinieghi o assensi ufficiali da parte della stessa Autorità. Il nodo parrebbe ancora da sciogliere, stante il fatto certo, però, che la scadenza del bando ministeriale al 31 luglio non permette in alcun modo di potervi accedere.

Il sindaco Bozzano: "L'ingegner Tarditi, professionista che sta lavorando sul ponte, appronterá comunque il progetto e lo terremo nel cassetto per una prossima utile occasione. Se la minoranza vuole altre informazioni a tal proposito, faccia delle interrogazioni specifiche!"

L'illustrazione del DUPS '23-'25- Documento Unico di Programmazione Semplificato ha visto, tra l'altro, l'inserimento proprio della realizzazione del ponte di via Trinità, di lavori al cimitero e alla palestra (grazie a fondi PNRR). E ancora: lavori sulla mensa e sull'illuminazione.

Sul punto la minoranza ha votato contro, in quanto ha rilevato delle discrepanze sull'iter del documento stesso, come possibili omissioni di firme obbligatorie e ha dunque chiesto una relazione sul procedimento dalla quale si possa evincere la presenza coerente e precisa di tutti gli elementi necessari nei vari passaggi.

Al punto quattro una rettifica sui provvedimenti per l'IMU 2022, in quanto erroneamente fu definita l'aliquota dello 0,1 su immobili cosiddetti "immobili merce" mentre un normativa nazionale li esenta dal 1/1/2022.

L'approvazione della convenzione per il parco regionale Gesso Stura ha avuto l'unanimità dei voti, salvo lasciare aperta la possibilità che altri comuni oltre a Fossano siano in futuro chiamati a contribuire al pagamento del secondo vicedirettore afferente al fossanese. Sul punto il sindaco Bozzano ha testualmente affermato "Spero di no"

Il punto sei, la proposta di adesione alla rete di comuni per la vita contro la pena di morte, su stimolo della Comunitá di Sant'Egidio, è stata approvata all'unanimità.

Il punto sette, proposto dalla minoranza, cioè la richiesta di registrazione e trasmissione in streaming delle sedute ha avuto un accoglimento positivo da parte della maggioranza che ha peró proposto ai firmatari di elaborare in sessanta giorni un progetto utile allo scopo, da discutere nelle prossime sedute.

Sottolineando l'inopportunità di tale metodologia, il gruppo di minoranza ha affermato la necessità di un elaborazione condivisa e, a seguito dell'asserzione del sindaco secondo il quale per l'amministrazione non si tratta di una prioritá, ha ottenuto, dopo articolata discussione, di poter usufruire del supporto tecnico degli uffici comunali e eventualmente di trenta giorni aggiuntivi per tale elaborazione.

All'ultimo punto è stata letta la risposta al'interrogazione del gruppo di minoranza sulle motivazioni per cui ai consiglieri siano state attribuite vere e proprie deleghe, snaturandone, a loro modo di vedere, le prerogative e la figura.

Il sindaco Bozzano non ritiene di aver compiuto atti irregolari ad attribuire incarichi ai consiglieri semplici.

Le parti sono restate sulle proprie convinzioni, ma è emerso che i dubbi che hanno generato l'interrogazione sono scaturiti da una azione concreta: un consigliere di maggioranza ha infatti personalmente privato dell'acqua irrigua la proprietà del consigliere di minoranza Panero. Illegittimamente, secondo il gruppo di opposizione.

"Perché non l'aveva pagata!" - ha prontamente affermato il sindaco.

L'affermazione ha scatenato la protesta ulteriore di Operti, Leone e Panero, che hanno messo in forte dubbio la legittimitá del fatto che i consiglieri possano essere messi a conoscenza dei dati sensibili sulle morosità. Contesa che verosimilmente proseguirá, al di fuori della seduta di Consiglio, sui social.

Fabrizio Biolè

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium