ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Politica

Politica | 30 luglio 2022, 19:09

Savigliano, più deleghe ai consiglieri che agli assessori: la questione è ancora motivo di discussioni

Il consigliere di minoranza Paolo Tesio torna a chiedere chiarimenti al sindaco. Il sindaco Antonello Portera replica: “Il consigliere delegato ha funzioni meramente consultive, senza alcun potere decisionale. La questione non esiste”

Savigliano, più deleghe ai consiglieri che agli assessori: la questione è ancora motivo di discussioni

Al gruppo di opposizione  “Spazio Savigliano” la questione di un esagerato ricorso di deleghe ai consiglieri sembra proprio non andare giù.

Secondo il rappresentante di minoranza Paolo Tesio il criterio adottato dal nuovo sindaco Antonello Portera di tenere per sé gran parte delle deleghe assegnando poche funzioni agli assessori quasi privilegiando i consiglieri,  mal si concilia con le esigenze di una città di oltre 20 mila abitanti qual è Savigliano.

Il rappresentante di “Spazio Savigliano” è tornato alla carica, venerdì sera, durante la seduta consiliare, per chiedere ulteriori chiarimenti rispetto “alle arzigogolate perifrasi – così ha scritto nell’interrogazione – utilizzate nell’assegnazione delle deleghe”.

“Riteniamo doveroso, in un’ottica di trasparenza verso il Consiglio comunale, verso i cittadini, le associazioni e gli uffici  – ha affermato Tesio in aula, evidenziando il fatto che vi siano più deleghe ai consiglieri di quante ne siano state assegnate agli assessori – chiarire quale sia l’effettivo perimetro di azione dei consiglieri”. 

Il sindaco Antonello Portera, che, con decreto sindacale, ha attribuito svariati incarichi ai consiglieri, ha replicato ribadendo che “il consigliere delegato ha funzioni meramente consultive ed è privo di qualsivoglia potere decisionale. Ruolo – ha puntualizzato – che resta prerogativa degli assessori e, soprattutto, del sottoscritto in quanto sindaco. La questione, dunque, non esiste”.

Tesio si è dichiarato insoddisfatto della risposta.

É probabile che la scelta del sindaco di tenere in capo a sé gran parte delle deleghe, specie quelle “pesanti”, sia destinata a tenere banco ancora per qualche tempo.

Almeno fino a quando, assestati gli equilibri della sua maggioranza, Portera redistribuirà – così come ha annunciato nella seduta d’insediamento - le competenze fra i suoi assessori.

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium