ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Politica

Politica | 31 luglio 2022, 11:03

VERSO LE ELEZIONI - La riduzione della rappresentanza parlamentare penalizzerà soprattutto le aree periferiche

Si era parlato di apportare correttivi per tenere in considerazione questo aspetto, ma il precipitare della crisi (e la mancanza di volontà politica) non lo ha consentito. Staremo a vedere, nella compilazione delle liste, in che considerazione le segreterie nazionali dei partiti terranno la nostra provincia

La Camera dei Deputati (Facebook)

La Camera dei Deputati (Facebook)

Mentre i partiti sono ancora alle prese con alleanze e definizione delle liste, gettiamo uno sguardo sui collegi e sui seggi di Camera e Senato che spettano al Piemonte, constatando che per la provincia di Cuneo – come avevamo evidenziato all’indomani del taglio dei parlamentari – gli spazi di rappresentanza si sono fatti esigui.

Sono 43 parlamentari che spettano al Piemonte dopo il taglio del numero dei parlamentari: 29 deputati e 14 senatori.

Diciannove deputati vengono eletti nei quattro collegi plurinominali (sistema proporzionale), i restanti 10 in quelli uninominali.

Nove dei 14 senatori vengono eletti con il sistema proporzionale nei due collegi plurinominali che interessano la nostra regione.

Ricordiamo che il 25 settembre si voterà con un sistema misto: la quota uninominale elegge un terzo dei seggi. In questi collegi viene eletto chi prende anche solo un voto più dell’avversario.

Gli altri due terzi dei seggi, sia alla Camera, sia al Senato, sono proporzionali: ogni collegio elegge in base alla distribuzione dei voti tra i partiti, a condizione che venga superata la quota di sbarramento fissata al 3%.

 

CAMERA

Per quanto riguarda la Camera in Piemonte, 2 dei 10 collegi uninominali riguardano la provincia di Cuneo: quello di Asti (U04), che comprende anche i comuni delle Langhe, insieme ad Alba, Bra, Roero e Cherasco, e quello di Cuneo (U05) che copre tutto il resto della Granda. 

Dei 4 collegi plurinominali della Camera 2 interessano Torino e provincia (Piemonte 1);  a questo territorio sono attribuiti 10 seggi, Torino capoluogo ne elegge 5, la provincia di Torino altri 5.

Gli altri due collegi le altre province. Novara, Biella, Vercelli e Vco (P01) eleggono 4 deputati; Alessandria, Asti e Cuneo (P02) 5.

 

SENATO

Il Piemonte è diviso in cinque collegi uninominali.

Il numero 5 (U05) riguarda l’intero Cuneese più Pinerolo, la valle Pellice, Carmagnola e i paesi limitrofi.

I collegi plurinominali sono soltanto più due, di dimensioni molto estese.

Il primo corrisponde al territorio di Torino e della sua provincia (P01): elegge 4 senatori.

L’altro il resto del Piemonte (P02), cioè tutte le altre province; a questa vasta porzione di territorio sono assegnati 5 seggi.

Riepilogando: la rappresentanza parlamentare della regione Piemonte passa da 67 a 43: 16 deputati e 8 senatori in meno rispetto alla legislatura che sta per concludersi.

A fare la spesa della riduzione sarà soprattutto il “Piemonte 2”.

Alcune aree, specie quelle a scarsa densità abitativa, potrebbero non avere rappresentanti in Parlamento anche per il fatto che – essendo le liste compilate a Roma – l’elemento numerico della popolazione è considerato fattore preponderante.

All’indomani del referendum, si era parlato di apportare modifiche alla legge elettorale per tutelare le zone periferiche, senonché il susseguirsi di varie emergenze e poi il precipitare della crisi politiche hanno fatto passare in fanteria la questione.

E inoltre – aggiungiamo noi – non c’è sta la volontà politica, né a destra né a sinistra, di introdurre quei correttivi che pure tutti avevano auspicato.

Staremo a vedere - anche sotto questo aspetto – come il Cuneese uscirà dalla tornata elettorale del 25 settembre.

Giampaolo Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium