ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 05 agosto 2022, 14:45

Val Roya, 250mila euro al giorno per rifare le strade. Il sindaco di Tenda: "Ora tocca all'Italia. Il ponte è approvato, la CIG non serve" [VIDEO]

La Francia sta impiegando 20 imprese, con 280 operai. Jean Pierre Vassallo: "Entro fine anno arriveremo all'imbocco del tunnel, mentre si continua a discutere. Dov'è finita l'Italia del ponte Morandi?"

Val Roya, 250mila euro al giorno per rifare le strade. Il sindaco di Tenda: "Ora tocca all'Italia. Il ponte è approvato, la CIG non serve" [VIDEO]

E' il solito, energico e deciso primo cittadino di Tenda - Jean Pierre Vassallo - quello che incontriamo nei pressi della stazione del paese, dove è stato temporaneamente spostato il Municipio a causa dei lavori che stanno interessando l'edificio.

Lavori. Qui, da dopo la tempesta Alex di 22 mesi fa - tra il 2 e il 3 ottobre 2020 -, fatta la conta dei danni, enormi, tali da mettere in ginocchio chiunque, a maggior ragione una zona ai confini dell'impero, non si è perso tempo.

Il presidente Macron è stato due volte a Tenda.

Lo Stato francese ha stanziato, per le tre valli devastate - Roya, Vésubie e Tinée - 1 miliardo di euro. Si spendono, in definitiva, 250 mila euro al giorno. 

Il sindaco Vassallo, primo cittadino dal 2001 e riconfermato a pochi mesi dalla tempesta Alex, nella sua intervista, parla proprio dei lavori. "A fine anno arriveremo al Tenda - dice -. E poi da lì? I problemi sono dalla parte italiana. Non serve la CIG, è tutto approvato. E se bisogna farla, in 48 ore la organizziamo. Ma bisogna agire in fretta, il tunnel è sei mesi in ritardo, anche se Anas continua a dire che ad ottobre del 2023 sarà terminato. E il ponte? Il progetto è stato approvato. Basta perdere tempo!".

Vassallo, invece, sul fronte ferrovia, ringrazia l'Italia e il Piemonte per ciò che hanno fatto per il suo paese e per la valle.

 

L'ultimo aggiornamento sullo stato dei lavori al tunnel, al 2 agosto, quindi allo scorso martedì, indica che manca ormai meno di un chilometro di scavo: 992 metri. Sul lato italiano, 173 metri e si arriva al confine con la Francia.

Dall'ultimo aggiornamento del 28 maggio scorso, quindi, l'avanzamento dello scavo è stato di 207 metri. Più di 3 metri al giorno. Dopo un deciso rallentamento dei lavori, per la presenza di roccia particolarmente friabile, ora si viaggia a ritmi da cronoprogramma.

L'incognita più grande - una volta ripristinate le strade - resta adesso quella del ponte, sul quale la Francia ha avanzato tutta una serie di richieste di approfondimenti, soprattutto dal punto di vista geologico.

Per quanto riguarda i lavori sul fronte italiano, va detto che Anas in soli due mesi e mezzo aveva ripristinato la circolazione e rimesso a posto la SS 20, rimuovendo l'ultimo cantiere già il 19 dicembre e rendendo nuovamente percorribile la strada fino a Panice Sottana, al km 107. L’importo complessivo degli interventi era stato di circa 5 milioni e 500 mila euro.

Molto più ingenti, invece, i danni in valle Roya, che si sta rialzando, con tanta difficoltà. I lavori procedono a gran ritmo. Ma serve il collegamento con l'Italia attraverso il tunnel e il viadotto per parlare di una vera rinascita. Altrimenti, come ha evidenziato Vassallo, "si rischia di lasciar morire due valli".

Simonelli-Mandrile

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium