ELEZIONI POLITICHE 25 SETTEMBRE 2022
 / Attualità

Attualità | 05 agosto 2022, 11:55

Giustizia tributaria, Bergesio, Lega: “Con la riforma approvata anche grazie alla Lega più tutele per il contribuente”

Alcuni dei punti più importanti della riforma sono le agevolazioni per ridurre il carico dei ricorsi pendenti in cassazione, l’inversione dell'onere della prova a vantaggio del contribuente, la premialità per i contribuenti leali e, finalmente, l’introduzione della prova testimoniale nei processi tributari, che finora non esisteva

Giustizia tributaria, Bergesio, Lega: “Con la riforma approvata anche grazie alla Lega più tutele per il contribuente”

Approvata ieri in Senato la riforma della Giustizia tributaria. “Novità importante  per il Paese, ottenuta anche grazie all’impegno della Lega”, afferma il Senatore della Lega Giorgio Maria Bergesio.

 

“Una giustizia tributaria più equa e moderna aiuta le imprese e attrae capitali da investitori stranieri. L'Italia può finalmente essere un Paese più competitivo, con una legislazione al passo con quella di altri Stati europei”, spiega il Senatore cuneese.

 

Alcuni dei punti più importanti della riforma sono le agevolazioni per ridurre il carico dei ricorsi pendenti in cassazione, l’inversione dell'onere della prova a vantaggio del contribuente, la premialità per i contribuenti leali e, finalmente, l’introduzione della prova testimoniale nei processi tributari, che finora non esisteva.

 

"La giustizia tributaria è elemento essenziale del rapporto tra contribuente e fisco: un giudice a tempo pieno, assunto con concorso, che si affianca per un determinato periodo a coloro che operano per restituire ai contribuenti la domanda di giustizia è sicuramente un passo epocale – continua Bergesio -. Il Senato ha approvato una riforma che assegna alla giustizia tributaria un ruolo di tutela del contribuente, ma anche dell'azione del fisco, se esposta a contenziosi temerari e solo dilatori. Avremo il giudice tributario a tempo pieno, avremo un giudice autonomo e indipendente, la configurazione di un organo di autogoverno e anche una possibile soluzione per le liti giacenti in Cassazione”.

 

“Bene aver anche definito la pace fiscale, ma si può fare di più. La riforma dovrà essere completata col prossimo Governo di centrodestra, estendendola ai contenziosi superiori ai centomila euro e rendendola possibile anche in primo e secondo grado", conclude il Senatore Bergesio

 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium