/ Sport

Sport | 13 agosto 2022, 10:24

Europei di Atletica a Monaco: grande attesa per Bencosme e Riva

Sono due gli atleti cuneesi pronti a gareggiare, dopo la defezione della borgarina Arnaudo. José Bencosme (Gs Avis Barletta) nei 400 hs e l'albese Pietro (Riva Fiamme Oro Padova) nei 5.000m e 10.000m

Josè Bencosme e Pietro Riva - foto fb

Josè Bencosme e Pietro Riva - foto fb

È tutto pronto a Monaco di Baviera per la 25esima edizione dei campionati europei di Atletica. Da lunedì 15 agosto a domenica 21 agosto i riflettori si accenderanno sull'Olympiastadion. Tra i 98 azzurri ci sono anche due cuneesi: José Bencosme (Gs Avis Barletta) che gareggerà nei 400 hs e l'albese Pietro Riva (Fiamme Oro Padova) nei 5.000m e 10.000m. Purtroppo la borgarina Anna Arnaudo ha annunciato la sua defezione.

La Rai trasmetterà i campionati Europei di atletica leggera su Rai 2, su Rai Sport e in diretta streaming su Raiplay. Dopo la defezione della

LE GARE DEI DUE CUNEESI

Da regolamento, i primi dodici delle liste stagionali per le specialità dei 100, 200, 400, 100hs-110hs e 400hs sono esentati dal primo turno: secondo l’elenco pubblicato dalla European Athletics non dovranno gareggiare in batteria, ma direttamente in semifinale, Marcell Jacobs e Chituru Ali (100), Filippo Tortu e Dalia Kaddari (200), José Bencosme e Ayomide Folorunso (400hs).

Bencosme gareggerà dunque direttamente in semifinale dei 400hs giovedì 18 agosto alle 11.25.

Pietro Riva invece gareggerà per la finale dei 5.000 martedì 16 agosto alle 21,08 e alla finale dei 10.000 domenica 21 agosto alle 20.

 

LE SCHEDE DEI DUE ATLETI

José BENCOSME
400hs
PB: 48.91 SB: 48.91
La Vega (Rep. Dominicana), 16.5.1992, 1.85x78kg
Società/Club: Gs Avis Barletta
Allenatore/Coach: Luigi Catalfamo
Presenze in Nazionale/Caps: 8
Risiede a Caraglio (Cuneo). José Reynaldo Bencosme de Leon è cresciuto a Barranca, in Repubblica
Dominicana, ed è arrivato in Italia con la mamma nel 2004 per stabilirsi in provincia di Cuneo, a Borgo San
Dalmazzo. Fino al giugno 2007 “Neyi” (questo il suo soprannome) ha giocato a calcio, ala destra nella
squadra parrocchiale del suo paese, passando all’atletica con il tecnico Luigi Catalfamo. Ottenuta la
cittadinanza italiana nel gennaio 2009, ha migliorato il limite nazionale dei 400 ostacoli allievi con 51.50 prima del bronzo ai Mondiali U18 di Bressanone e due anni più tardi anche agli Europei under 20. Nel 2010 è diventato il miglior 18enne italiano di sempre con 51.04, quindi è sceso a 49.94 nella stagione successiva.
Dall’ottobre 2010 (e fino al 2021) è stato reclutato dalle Fiamme Gialle. Ha raggiunto la semifinale olimpica a Londra ma è stato poi frenato da una serie di infortuni al piede destro, con due interventi nel 2013 e nel 2014, rientrando sui 400 ostacoli nel 2016 dopo quasi quattro anni di assenza, sotto la guida dell’ex iridato Fabrizio Mori, e correndo in 49.22 nel 2017. Dall’autunno 2018 è stato seguito da Massimo Matrone e alla fine del 2019 è tornato con il suo primo tecnico. Nel maggio 2020 si è operato al piede sinistro, nel 2022 ha migliorato dopo cinque anni il record personale con 48.91. Diplomato operatore meccanico all’istituto professionale industria e artigianato. Nel tempo libero ama camminare in montagna e ascoltare musica, latina e italiana.
Curriculum (400hs, R/4x400m): Titoli italiani assoluti: 4 (2011-2012-2016-2018); Giochi olimpici: 2012
(sf); Mondiali: 2017 (sf); Europei: 2012 (bat), 2016 (sf), 2018 (sf); Mondiali U20: 2010 (sf, bat/R); Europei
U20: 2011 (3); Mondiali U18: 2009 (3); EYOF: 2009 (2); Universiadi: 2017 (4); Gymnasiadi: 2009 (1,
bat/MR); Giochi del Mediterraneo: 2018 (5), 2022 (4); Europei a squadre: 2017 (4).


Pietro RIVA
5000m - 10.000m
PB: 13:28.96 - 28:01.07 SB: 13:28.96 - 28:01.07
Alba (Cuneo), 1.5.1997, 1.83x66kg
Società/Club: Fiamme Oro Padova
Allenatore/Coach: Stefano Baldini
Presenze in Nazionale/Caps: 3
Cresciuto ad Alba, giocava come terzino di fascia prima di lasciare il calcio con un compagno di squadra per provare l’atletica. Dal 2012 ha intensificato la preparazione con il tecnico Alessandro Perrone e nel giro di
pochi mesi si è guadagnato la maglia azzurra. Un percorso che aveva già conosciuto anche il papà Pierluigi:
da calciatore nelle giovanili del Torino è diventato un podista amatoriale da 2h46 sulla maratona. Nel 2015 ha conquistato il titolo europeo juniores dei 10.000 metri con un formidabile sprint finale. Dall’inizio del 2020 si è trasferito a Rubiera (Reggio Emilia) sotto la guida dell’olimpionico Stefano Baldini. Primatista italiano dei 10 km su strada con 28:06 nell’ottobre 2021 a Ginevra, abbassato poi a 27:50 nel marzo 2022 a Laredo, in Spagna. Nel 2022 si è migliorato anche su pista con 28:01.07 sui 10.000 e 13:28.96 nei 5000 metri, oltre che nella mezza maratona correndo in 1h01:36. Ha frequentato il liceo scientifico e studia matematica per l’ingegneria al Politecnico di Torino. Nel tempo libero ama leggere libri sull’allenamento nell’atletica, romanzi storici e gialli.
Curriculum (10.000m): Titoli italiani assoluti: 1 (5000m: 2021); Mondiali U20: 2016 (10); Europei U20:
2015 (8/5000m, 1); EYOF: 2013 (8/3000m); EYOT: 2014 (3/3000m); Coppa Europa (10.000m): 2021 (17,
4T), 2022 (5, 5T); Europei cross: 2014 (rit jr), 2015 (10jr, 2T/U20), 2017 (40/U23, 5T/U23); Mondiali mezza maratona: 2020 (43, 9T).

crm

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium