/ Cronaca

Cronaca | 16 agosto 2022, 12:25

Tre pecore morte sui sentieri di Prato Nevoso: "Opera dei lupi, ne sono praticamente certo"

La segnalazione arriva dal signor Giovanni di Roccavione, allevatore per passione. Ieri era a fare una passeggiata con la famiglia

Tre pecore morte sui sentieri di Prato Nevoso: "Opera dei lupi, ne sono praticamente certo"

Una passeggiata verso il rifugio la Balma a Prato Nevoso, su sentieri battuti e molto frequentati, soprattutto in queste giornate di vacanza. Ieri su quei sentieri c'era il signor Giovanni di Roccavione, assieme alla moglie e al figlio.

Allevatore per passione, conosce e ama gli animali. Nella giornata di ieri è rimasto profondamente colpito e impressionato dalla presenza di tre pecore morte, a poca distanza dal percorso e in un raggio di qualche centinaio di metri.

Uno degli animali aveva un morso al collo, ma non era sbranato. "La pecora era ancora calda, non era morta da tanto", ci racconta Giovanni. "Più avanti ne ho vista un'altra, mi sono avvicinato ed era completamente priva delle interiora. Aveva la campana al collo ed era marchiata. Poco dopo abbiamo incrociato un altro escursionista, che ci ha detto di averne visto una terza, morta e sbranata. Ho telefonato al 112 e ho parlato con i carabinieri della zona, facendo una segnalazione".

Il signor Giovanni ha quindi individuato il malgaro, padrone degli animali. Era già informato dell'accaduto e stava attendendo l'arrivo del veterinario. "Sono rimasto molto impressionato, ho esperienza e sono praticamente certo che sia opera dei lupi. Eravamo in una zona molto frequentata. Purtroppo mi sto rendendo conto che non c'è la volontà di risolvere il problema, nonostante questi fatti siano sempre più frequenti".

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium