/ Politica

Politica | 16 agosto 2022, 09:15

Le "manovre" romane del Pd tagliano fuori il Segretario Furia: "Non sarò candidato"

Il numero 1 dei Dem piemontesi: "Per operazioni di alleanza e allargamento della lista", talvolta si è pagato un "caro prezzo"

Paolo Furia

Paolo Furia

Le "manovre" romane del Partito Democratico tagliano fuori dalle elezioni il segretario regionale Paolo Furia. Il numero 1 dei Dem piemontesi era stato indicato come possibile candidato in quattro province. Nella sua Biella, poi a cascata negli altri territori del nord Piemonte, da Novara al Verbano Cusio Ossola e Vercelli. Una plurinomina, che però non è bastata ad assicurargli un posto per il Parlamento.

"Taglio dei parlamentari non ha prodotto miglioramenti nella democrazia"

Nonostante nelle scorse settimane, come testimoniano i numerosi post di Facebook, abbia passato parecchi giorni davanti al Nazareno a perorare la necessità di rappresentanza nella composizione delle liste di esponenti piemontesi. E ovviamente a portare avanti anche la sua "causa".

Ad annunciare la decisione di Roma di tagliarlo fuori è lo stesso Furia, che sui social scrive: "Non sarò candidato nelle liste del PD. Questo principalmente a causa del taglio dei parlamentari, che ha ridotto oggettivamente gli spazi di rappresentanza senza produrre alcun miglioramento nel funzionamento della democrazia".

"Pagato un caro prezzo"

A pesare, oltre a questo, "una fortissima centralizzazione romana di tutte le scelte, con poco margine per il confronto con territori". E Furia non nasconde la sua amarezza, sottolineando come favorendo "operazioni di alleanza e allargamento della lista", talvolta si sia pagato un "caro prezzo".

"No al posto a ogni costo"

"Non era semplice - continua - mettere in campo operazioni di rinnovamento in questa circostanza, anche se qualche bella eccezione c'è e andrà sostenuta con forza". A Roma avevano proposto al Segretario Regionale possibili candidature fuori dal Piemonte 2. Una possibilità respinta da Furia, che spiega: "Non sono mai stato alla ricerca di un posto a ogni costo e non avrei occupato volentieri il collegio di qualche altro territorio per esigenze personali. Sono parte di una squadra, continuerò a esserlo".

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium