/ Eventi

Eventi | 17 agosto 2022, 16:29

Torna a Monterosso Grana la Bodi Fest: appuntamento domenica 21 agosto

Musica occitana e cucina tipica della valle, con i famosi gnocchi al Castelmagno

Torna a Monterosso Grana la Bodi Fest: appuntamento domenica 21 agosto

Domenica 21 agosto 2022, dalle 9 alle 19, nella piazza di Monterosso in Valle Grana, si rinnova l’appuntamento con la “ Bodi Fest – Mostra Mercato Gastronomia della storica patata Piatlina, della patata Ciarda e delle produzioni delle terre delle Valli di lingua d’Oc, sesta edizione.

La manifestazione è organizzata dal locale Consorzio del Bodi – Ass. per la promozione, valorizzazione, tutela delle sopracitate patate tipiche (Bodi, in lingua d’Oc, vuol dire patata), con il patrocinio dell’Unione Montana Valle Grana .

La musica d’Oc, dei noti Lou Pitakass, tradizione e folclore​ del territorio, vivacizzerà allegramente il pomeriggio.

Nel frattempo potrete sollazzare il palato​ gustando la cucina tipica di valle​ caratterizzata dai famosi gnocchi al Castelmagno​ e altre golosità montane locali.

L'associazione ( ora Consorzio del Bodi) è nata nella primavera del 2011 a Monterosso Grana con l'obbiettivo del recupero della storica locale patata Piatlina, quasi estinta, e la promozione della patata Ciarda ; quest' ultima tradizionalmente protagonista nella preparazione dei gnocchi locali .

Il percorso di promozione ha visto momenti di grande soddisfazione come l'inserimento della Piatlina della Valle Grana nell'ambito elenco dei PAT (prodotti agroalimentari tradizionali) e nell'Arca del Gusto Slow Food.​

Ha dato vita all'ormai atteso appuntamento del Cuiette Day ( il giorno degli gnocchi) in onore alla storica consuetudine locale​ della Madonna dle Cuiette dell'8 dicembre. Ha promosso la De.Co (Denominazione Comunale) della Tourto Mato al fine di promuoverla, valorizzarla e tutelarla. Ha contribuito alla promozione dei prodotti del territorio.​ Ha partecipato a varie manifestazioni gastronomiche ( la Valle Grana nel Piatto,Bodi e Mato ....) e fiere .

Ma Monterosso, capitale della Piatlina e Ciarda, deve tanto a questi tuberi . Infatti agli inizi del 1800​ ​ fu proprio grazie alla coltivazione delle patate​ ​ che la frazione di S. Pietro ( allora Comune) riuscì a superare il momento difficile, di grande povertà, causato dalla grande crisi della guerra con la Francia​ . Conflitto che portò ad un​ notevole calo demografico generato da una forte emigrazione . Infatti la diffusione della coltura locale della patata, che diventò cibo base per l'alimentazione dei montanari , riportò una crescita demografica ai livelli antecedenti le guerre.

La sola S.Pietro produsse , nel 1821, ben 184 ql.di patate ( fonte Ristorto M.- San Pietro Monterosso). Un notevole produzione per quei tempi.​

Questo è uno dei motivi, forse il più importante, per cui la sede del Consorzio è a Monterosso Grana.

Per chi volesse esporre i propri prodotti a questa manifestazione può contattare il seguente n. 3332971996 ( i posti sono riservati a produttori/artigiani che producono/operano in zona montana )

Info:​ www.piatlinaeciarda.com​ – Associazione della patata Piatlina e Ciarda Facebook –

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium