/ Attualità

Attualità | 19 agosto 2022, 14:55

Da Grosso del "Cit ma Bel" a Parola del "Baladin" di Cuneo un solo grido di allarme: "Con queste bollette non si può andare avanti"

Ettore Grosso per il mese di luglio dovrà pagare quasi 13 mila euro. Elio Parola quasi 20mila. E abbiamo saputo di bollette ancora più alte

Da Grosso del "Cit ma Bel" a Parola del "Baladin" di Cuneo un solo grido di allarme: "Con queste bollette non si può andare avanti"

Si è parlato molto, nei giorni scorsi, del ristoratore di Cremona che ha esposto la bolletta dell'energia elettrica in vetrina scrivendo: "Quando le spese diventano insostenibili, pizza a 10 euro e passare da ladro, oppure chiudere?"

Un gesto provocatorio, ma che rende l'idea delle enormi difficoltà che stanno vivendo tante attività, piccole e grandi.

E' tempo di bollette anche per i locali ed esercizi pubblici della Granda. Stanno arrivando in questi giorni. E sono salatissime. Anzi, insostenibili. E' un grido d'allarme vero quello che si sta alzando. Perché le cifre sono impressionanti. Soprattutto se paragonate a quanto si pagava solo un anno fa.

Ettore Grosso, titolare del Cit ma Bel, ristorante annesso al distributore di carburanti in via Savona a Borgo Gesso, frazione a est del capoluogo, non nasconde la preoccupazione. "L'ultima bolletta dell'energia elettrica, relativa al solo mese di luglio, è di 12.850 euro. Ho chiamato il gestore per chiedere chiarimenti. La risposta è stata: quella di agosto, purtroppo, sarà ancora più alta".

E' una crisi inarrestabile quella dell'aumento dei costi energetici. "Prima di questi ultimi mesi, il massimo che ero arrivato a pagare era stato di circa 4mila euro. Poi siamo saliti a 7mila nei primi mesi dell'anno e ora questa bolletta, spaventosa. Ho sentito altri colleghi, la sitiuazione è la stessa per tutti, proporzionata sulla propria attività. Ad un collega è arrivata una bolletta superiore ai 20mila euro. Io ho frighi, condizionamento, forni. Un'ora di energia mi costa, attualmente, 18 euro. Siamo in 22 a lavorare nel locale. Ma come posso reggere? Mi devo indebitare per pagare le bollette? Non esagero nel dire che la prospettiva di chiudere non è così remota. Chudo e lascio tutti a casa. Così non si può reggere".

Abbiamo interpellato anche Elio Parola, titolare dell'Open Baladin in piazza Foro Boario a Cuneo. La sua bolletta è di 19.600 euro. "Luglio è da sempre il mese più caro. Arrivavamo a pagare 7.000 euro. Ora mi chiedono 12mila euro in più rispetto ad un anno fa, ma io quei soldi in più mica li ho guadagnati".

A pesare è stata l'aria condizionata, in un mese, quello scorso, caldissimo. "I clienti erano tutti all'aperto, ma per me il welfare aziendale è la prima cosa. Che facevo? Lasciavo i ragazzi a lavorare al bancone o in cucina con 45 gradi?". 

Ma sono le prospettive a spaventare. "Ci siamo informati per capire cosa succede in Europa. Stanno messi come o peggio di noi e le cose non sono destinate a migliorare. La situazione è gravissima. Mi sono fatto due conti: a fine anno spenderò circa 70 mila euro in più di energia elettrica. Poi c'è il gas, il rincaro delle materie prime. Il bilancio del prossimo anno sarà in rosso, perché io quei soldi in più che mi chiedono non li guadagno". 

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium