Attualità - 09 settembre 2022, 11:15

Colle di Tenda, confermato il cronoprogramma del ponte sul Vallone de La Ca', Riberi: "Si parta con il bando, un anno è meno lungo di quanto sembri"

Il sindaco di Limone commenta la CIG di martedì 6 settembre, annunciando una riunione in Prefettura per il 20: "Rimarremo in allerta. Tempistiche disattese troppe volte"

Il sindaco Massimo Riberi

Il sindaco Massimo Riberi

"Finalmente, dopo l'incontro ridicolo del 1° aprile, abbiamo avuto una CIG di stampo tecnico sul progetto di realizzazione del ponte. E abbiamo, finalmente, una data di apertura al pubblico (anche se avverrà a cantiere ancora in corso), cioè ottobre dell'anno prossimo".

A parlare, commentando le notizie uscite dalla CIG tenutasi martedì 6 settembre, è il sindaco di Limone Piemonte Massimo Riberi. Che dimostra un'ottica propositiva, seppur cauta: "Se le cose stanno e staranno così, al netto di possibili piccoli passaggi da rivedere, siamo molto soddisfatti. Non mancheremo, però, di continuare a vigilare perché troppe volte non sono state rispettate le tempistiche annunciate e dichiarate".

Nell'incontro di martedì scorso è stato decretato parere positivo alle varianti del progetto esecutivo sul cantiere del Tenda bis: via libera alla realizzazione del ponte di scavalco a campata unica sul Vallone de La Ca’, spazzato via dalla tempesta Alex nell'ottobre 2020 e confermato anche il quadro economico, aggiornato con 76 milioni in più, per un totale di 254,9 milioni.

Confermato anche il cronoprogramma, come sottolineato da Riberi. Oltre all'apertura del nuovo ponte a ottobre 2023, con passaggio a senso unico alternato, la strada a regime con i due tunnel verrà aperta nel giugno 2025.

"Ora chiediamo che non si perda ulteriore tempo, e che si assegnino e si inizino i lavori in maniera concreta. Un anno non è mai lungo quanto sembra davvero, e il prossimo inverno porterà inevitabilmente delle difficoltà" ha concluso Riberi.

Il 20 settembre si terrà una nuova riunione in Prefettura con presenti i sindaci delle valli, la sindaca di Cuneo, la Camera di Commercio, il commissario Prisco, i tecnici dell'ANAS e l'assessore regionale Marco Gabusi. Il territorio torna a riunirsi in via ufficiale quindi, dopo lo stop dato proprio dai ritardi nella convocazione della CIG.

Simone Giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU