/ Attualità

Attualità | 23 settembre 2022, 11:02

Si svela il restauro del monastero di San Biagio Mondovì, Padre Renato Chiera: "Sarà una famiglia per tutti"[VIDEO]

Ieri sera, in anteprima, la presentazione dei lavori di restauro della nuova sede di Casa do Menor

Si svela il restauro del monastero di San Biagio Mondovì, Padre Renato Chiera: "Sarà una famiglia per tutti"[VIDEO]

Una nuova sede per la Casa do Menor Italia Onlus che torna a vivificare l'antico monastero di San Biagio Mondovì, antico Priorato Benedettino (costruito nel 1014) che dal 2018 era in stato di abbandono e ha ritrovato una nuova destinazione nel 2020.

E' stato svelato in ateprima ieri sera, giovedì 22 settembre, agli addetti ai lavori il ritusltato del paziente e minuzioso recupero e restauro della struttura. 

Il complesso si trova all’interno della Riserva Naturale di Crava-Morozzo e dispone di due ettari di terreno attualmente destinati alla coltivazione di alberi da frutto e all’apicoltura. Dal 1972 al 1984 ospitò la comunità Madonna della Fiducia, di P. Filiberto Guala che ne avviò i primi lavori di restauro.

Tante le attività in programma in questi giorni a San Biagio per presentare il nuovo progetto, arricchite dalla presenza in Italia di Padre Renato Chiera, fondatore di "Casa do Menor", che quest'anno ha compiuto 80 anni, più di quaranta dei quali spesi in missione in Brasile a favore dei più deboli.

"Dio mi ha portato da questa terra in Brasile nelle periferie, tra i poveri. - spiega Padre Renato "A inizio di quest'anno sono arrivato in Guinea Bissau, uno dei paesi pià poveri dell'Africa, dove non c'è niente. E adesso sono qui a San Biagio e mi chiedo, cosa vorrà dirci Dio? Secondo me è un segno, il suo volere è che questo spazio risorga a livello strutturale, culturale e di anima, aperta al mondo, a tutti quanti. Il nostro carisma, come Casa Do Menor, è essere famiglia per dare accoglienza e presenza, soprattutto a chi fa fatica e non si sente amato."

Un momento importante per conoscere anche le associazioni che partecipano alla vita del Monastero – L’Aquilone di Farigliano, La Nave di Ulisse di Margarita, La Tenda dell’Incontro di Peveragno, l’Associazione italiana Teilhard de Chardin – racconteranno i loro progetti e in cui le realtà locali - Agritrutta, Agripanetteria, Agritomeria, Il Cardo e l’ortica, Alabuna e altri - faranno gustare i propri prodotti, in un viaggio alla scoperta di un territorio, della sua storia e delle persone che lo abitano. L’iniziativa è dell’associazione Casa do Menor Italia, con il sostegno e il contributo della Fondazione CRC e della Banca Alpi Marittime.

 

LE ATTIVITA' IN PROGRAMMA 

Sabato mattina il monastero apre le porte alle 9.30 per le visitatrici e i visitatori. A partire dalle 10, grazie al Centro Studio Monastero di San Biagio e La Nave di Ulisse si compirà un viaggio alla scoperta della storia del monastero, grazie all’intervento di prof. Giancarlo Comino, della Società Studi Storici di Cuneo, che ci accompagnerà nel percorso dalla fondazione del monastero fino alla sua soppressione; a seguire, l’arch. Gemma Fulcheri, che ha contribuito al restauro del Priorato, approfondirà il tema artistico e il restauro; la prof.ssa Chiara Mongiardino approfondirà i legami del monastero con realtà architettoniche e artistiche del territorio (Madonna della Pieve, Santuario del Brichetto, Castello di Rocca dè Baldi, Castello di Morozzo, etc), e in chiusura don Corrado Avagnina, direttore dell’Unione Monregalese, che ci farà riscoprire la figura di Padre Guala.  Presenta Marita Rosa, scrittrice, de La Nave di Ulisse e coordina Mariaclara Luciano, presidentessa centro studi Monastero di San Biagio.  

A seguire pranzo preparato dall'Alberghiero Giolitti Belisario Paire di Mondovì – è raccomandata la prenotazione

Sabato pomeriggio, a partire dalle ore 15, padre Renato Chiera ci racconterà l’esperienza di questi anni di Incontro, Accoglienza, Presenza ad iniziare dal Brasile, nella nuova sfida in Guinea Bissau per finire al Monastero di San Biagio, sede di Casa do Menor, nata dal desiderio di avviare una Presenza territoriale, e Andrea Battaglia, presidente di Casa do Menor Italia, ci illustrerà i progetti futuri del monastero e i passi fatti per la costruzione della nuova Casa. 

Durante tutta la giornata il Monastero sarà visitabile, per apprezzare le bellezze storiche, architettoniche ed artistiche, per approfondire il progetto di recupero e restauro e le progettualità sociali e culturali del Monastero e per conoscere le realtà e le eccellenze del territorio.

Dopo l’incontro con padre Renato sarà l’occasione di festeggiare i suoi 80 anni, ripercorrendo le fasi salienti della sua vita. A partire dalle 17 quindi ci sarà un momento di festa e di racconto di questi anni di vita. A partire dalle ore 18.30 è previsto un momento di aperitivo grazie al food truck de L’Aquilone che produrrà le patatine fritte, abbinate alla birra di Alabuna.  

La domenica il monastero aprirà le porte alle 9 per le visitatrici e i visitatori. A partire dalle 10, la Tenda dell’incontro proporrà una mattinata di riflessione dal titolo “Una chiesa missionaria e sinodale secondo il Vangelo” - giornata di riflessione con la prof.ssa Serena Noceti, docente ordinaria di Teologia sistematica presso l'Istituto Superiore di Scienze Religiose “I. Galantini” di Firenze, in dialogo con don Gianluca Zurra, assistente nazionale per il settore giovani dell’Azione cattolica e padre Renato Chiera.

Alle 12.30 ci sarà il pranzo preparato dall' Alberghiero Giolitti Belisario Paire di Mondovì - è raccomandata la prenotazione.

L’evento si concluderà con la messa presieduta dal Vescovo di Mondovì Egidio Miragoli alle ore 16. 

 Durante tutta la giornata il Monastero sarà visitabile, per apprezzare le bellezze storiche, architettoniche ed artistiche, per approfondire il progetto di recupero e restauro e le progettualità sociali e culturali del Monastero e per conoscere le realtà e le eccellenze del territorio. Le visitatrici e i visitatori potranno anche scoprire gli spazi esterni, il frutteto, il viale dei tigli e i percorsi naturali che si snodano verso la Riserva Naturale di Crava – Morozzo.

Per informazioni e prenotazioni, chiamare il numero 0174.698439 oppure scrivere a segreteria@casadomenor.org o ancora passare dal monastero nei giorni precedenti.

  

Arianna Pronestì

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium