/ Attualità

Attualità | 29 settembre 2022, 17:00

A Cuneo l'inaugurazione della mostra “L’incidenza del Segno”

L’appuntamento si terrà venerdì 7 ottobre, a Palazzo Samone in via Amedeo Rossi 4, con il patrocinio della città di Cuneo

A Cuneo l'inaugurazione della mostra “L’incidenza del Segno”

Venerdì 7 ottobre alle ore 17:30, a Palazzo Samone in via Amedeo Rossi 4, con il patrocinio della città di Cuneo, si inaugura la mostra personale dal titolo “L’incidenza del Segno” dell’artista Giuseppina Matis Albezzano.

Una rassegna di circa 50 opere legate per la maggior parte al tema dell’incisione (acqueforti, punte secche, linoleografie, xilografie...), che l’artista realizzò in particolare negli anni in cui frequentava l’Accademia Albertina di Torino e in seguito l’Accademia di Belle Arti di Cuneo. La mostra è suddivisa in tre sezioni in cui si possono ammirare incisioni, ma anche dipinti e alcuni disegni, inerenti alle tematiche della Natura, dell’Architettura e del Paesaggio, tematiche che Pina Matis affronta con estrema maestria, attraverso un segno deciso, che esprime tutta la forza e l’energia di un gesto incisivo. La mostra è promossa dall’Associazione “Insieme per Educare”, che gestisce in Cuneo le scuole paritarie dell’Infanzia “Sacra Famiglia”, primaria e secondaria di primo grado “Mons. Andrea Fiore”.

La collaborazione dell’Artista con l’Associazione risale ad anni fa, in particolare da quando la Signora Matis Albezzano ha donato alla Diocesi di Cuneo più di quattrocento lavori (incisioni, disegni, dipinti...) e la Diocesi di Cuneo ne ha affidato la custodia e la conservazione all’Associazione “Insieme per Educare”. Scrivono i curatori della mostra, Fabrizio Oberti e Giorgia Saladini: “Pina Matis è artista che attraverso un gesto sicuro, armonico ed equilibrato, riesce ad imprimere sulla carta come sulla lastra di metallo, un’impronta che lascia un segno profondo che va a far vibrare le corde più intense dell’anima di coloro che si pongono anche per la prima volta di fronte ad una sua opera di incisione, di disegno oppure di pittura. Il suo modo di fare arte è poliedrico e riesce a spaziare dal disegno alla pittura, passando attraverso l’incisione per la quale ha una notevole predilezione... La passione per il disegno, per l’incisione e per la pittura, si può notare non solo nelle opere da lei prodotte, ma anche nel suo parlare e comunicare alle persone che osservano con ammirazione i suoi lavori”.

Giuseppina Matis Albezzano è nata a Isola d’Asti ma vive e lavora a Madonna dell’Olmo. Ha frequentato la scuola libera del nudo all’Accademia Albertina di Torino avendo come maestro Vincenzo Gatti e l’Accademia di Belle Arti di Cuneo. Ha partecipato a diverse mostre e manifestazioni artistiche. Espone dal 1975 in collettive e personali a Cuneo e in Italia (Trento, Genova, Venezia, Roma...), ma anche all’estero tra cui Francoforte, Parigi e a Los Angeles in occasione dei giochi olimpici. È membro di varie Accademie e Istituzioni Culturali. Da anni cura la realizzazione di prodotti relativi all’Arte e all’ambiente in collaborazione con l’Unesco. Il richiamo a maestri del ‘900 del metafisico e del realismo mitico è d’obbligo. Negli anni ha ricevuto molteplici premi e il suo nome compare nelle principali pubblicazioni d’Arte, tra cui l’Albo accademico dell’A.I.A.M. (Accademia internazionale d’Arte moderna) di Roma, l’Enciclopedia nazionale “La donna nell’Arte”, Catalogo internazionale “WHO’S WHO IN INTERNATIONAL ART” di Losanna (Svizzera), Catalogo dell’Arte Italiana Bolaffi, Enciclopedia Mondiale degli Artisti Contemporanei. 

Hanno scritto di lei Sergio Arneodo, Felice Ballero, Francesco Boneschi, Antonio Ferrero, Vincenzo Gubitosi e Paolo Signanir.

La mostra sarà visitabile fino al 30 ottobre, dal giovedì alla domenica dalle 15:30 alle 18:30.

Ingresso libero

Per informazioni contattare i numeri: 3805309383 - 3493556259

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium