/ Economia

Economia | 30 settembre 2022, 14:04

Risparmiare in bolletta, manuale per l'uso

Oggigiorno sempre più persone sono alle prese con il caro bolletta e stanno cercando valide soluzioni da mettere in pratica fin da ora per riuscire a risparmiare

Risparmiare in bolletta, manuale per l'uso

Oggigiorno sempre più persone sono alle prese con il caro bolletta e stanno cercando valide soluzioni da mettere in pratica fin da ora per riuscire a risparmiare. In questo manuale è possibile finalmente capire come massimizzare il risparmio sulla bolletta della luce.

Confrontare le tariffe e cambiare gestore

Il primo sistema per risparmiare sulla bolletta, è cambiare gestore. Ci vuole un attimo per fare un confronto tra le diverse compagnie e trovare quella che propone l’offerta migliore su Chetariffa dove trovare anche utili guide al risparmio sui consumi di luce e anche di gas.

Avviare gli elettrodomestici solo la sera

In particolare chi ha un contratto con le fasce orarie, dovrebbe accendere gli elettrodomestici solo nelle ore serali quando l’energia elettrica costa meno. Tante persone si lamentano spesso del costo della bolletta ma non si sono mai poste il problema di verificare che tipo di contratto hanno in atto e se questo rispecchia le loro abitudini quotidiane.

Installare lampadine a led

Vale la pena investire nell’acquisto di lampadine led che sono in grado di illuminare ogni ambiente consumando davvero pochissimo. A confronto con le tradizionali lampadine a incandescenza, la differenza sui consumi è davvero ragguardevole e la bolletta si abbassa rispetto a prima.

Accendere la luce solo quando serve

Se all’esterno c’è ancora luce, allora meglio tardare un po’ ad abbassare le tapparelle. Facendo entrare la luce dell’esterno, si può tardare l’orario di accensione dell’illuminazione elettrica in casa. Inoltre, quando non è strettamente necessario, la luce va sempre spenta onde evitare sprechi inutili che in bolletta pensano non poco.

Staccare i dispositivi dalla presa di corrente

Anche se i dispositivi sono spenti, il consumo di corrente c’è ugualmente. Sebbene minore, con la presa di corrente attaccata, si consuma lo stesso. Per tale motivo, le spine di alimentazione devono essere staccate. Purtroppo, moltissime persone hanno la cattiva abitudine di lasciarle sempre attaccate, basti penare all’alimentatore per caricare il telefono cellulare: cosa ci vuole a toglierlo dalla presa? Niente, pochi secondo che corrispondono a un risparmio in bolletta.

Preferire elettrodomestici con una buona classe energetica

Nel momento dell’acquisto di un elettrodomestico, occorre valutare sempre la classe energetica, preferendo solo quelli che hanno una buona classificazione, cioè A o superiore. Questo consiglio vale anche per i piccoli dispositivi che spesso non sono classificati in base ai consumi elettrici, allora come scegliere il migliore? Di solito, un prodotto di qualità è anche un dispositivo che consuma meno perciò sarebbe meglio evitare il low cost perché poi si paga successivamente con consumi più alti. Invece, l’investimento fatto per acquistare device di qualità si ripaga ben presto grazie ai risparmi realizzati nel corso del tempo.

Impostare programmi ecofriendly

Sugli elettrodomestici più moderni e di ultima generazione, è facile trovare programmi eco o smart che sono sicuramente preferibili rispetto a quelli normali proprio perché sono pensati per ridurre i consumi di luce e anche acqua, aiutando a risparmiare quando arriva la bolletta alla fine del mese nella buca delle lettere.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium