/ Attualità

Attualità | 04 ottobre 2022, 15:45

Le famiglie della Condotta Slow Food di Alba, Langhe e Roero sono state a Terra Madre

hanno potuto assaporare, degustare e confrontarsi dal vivo all'evento internazionale svoltosi a Torino

Le famiglie di “Alba Città di Terra Madre” della Condotta Slow Food di Alba, Langhe e Roero

Le famiglie di “Alba Città di Terra Madre” della Condotta Slow Food di Alba, Langhe e Roero

L’evento internazionale Terra Madre Salone del Gusto di Slow Food, tenutosi per la prima volta al Parco Dora di Torino è stato un grande successo. La XIV edizione della rassegna del cibo buono pulito e giusto appena conclusa ha avuto una grande affluenza di pubblico, tra questo le famiglie di “Alba Città di Terra Madre” della Condotta Slow Food di Alba, Langhe e Roero. Come afferma Anselme Bakudila, il nuovo fiduciario della succitata Condotta: ”Se Terra Madre non viene nelle nostre case, le famiglie vanno verso Terra Madre”.

Nelle edizioni precedenti, queste generose famiglie hanno sempre vissuto l’evento tramite i racconti dei delegati della rete Slow Food, che accolgono in casa propria. Questa volta hanno potuto assaporare, degustare e confrontarsi dal vivo, recandosi personalmente a Terra Madre. La gita organizzata dalla Condotta e guidata da Daniele Borello, Francesco Caffa e Roberto Prunotto, membri del direttivo della Condotta, ha permesso loro di conoscere l’altra faccia della medaglia del Salone del Gusto caratterizzata da una molteplicità delle sinergie per la produzione dei prodotti della Terra.

Inoltre, ha spiegato Prunotto: “La gita ha consentito di conoscersi tra loro, in attesa delle migliori condizioni per tornare a ricevere di nuovo i delegati”. L’esperienza ha permesso, quindi, di gettare le basi per la costituzione di un gruppo, che potrà continuare a divertirsi e a esprimere le proprie passioni attorno ai vari temi e iniziative che, di volta in volta, proporrà la condotta da qui in avanti.

La precauzione contro la diffusione di Covid-19 ha impedito l’accoglienza dei delegati di Terra Madre nelle case, tuttavia questa stessa occasione ha permesso di unire gli appassionati della gastronomia ed i veri protagonisti della solidarietà del nostro territorio. Ora ci sono i presupposti per un cammino insieme nella conoscenza delle potenzialità della Condotta, percorso che culminerà con la consueta accoglienza. Spiega Daniele Borello: “ovviamente la porta resta spalancata ai curiosi, amici e conoscenti perchè la Condotta è di tutti!”

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium