/ Agricoltura

Agricoltura | 05 ottobre 2022, 15:16

Investimento da 14 milioni per ampliare le cantine Capetta di Santo Stefano Belbo

Contributo del Mise da 5 milioni di euro nel contratto di sviluppo che prevede l’incremento della capacità produttiva dello stabilimento e l’ampliamento del suo organico con 12 nuove assunzioni

Lo stabilimento Capetta di corso Piave a Santo Stefano Belbo (dal sito web aziendale)

Lo stabilimento Capetta di corso Piave a Santo Stefano Belbo (dal sito web aziendale)

Invitalia, l’agenzia governativa italiana per l’attrazione degli investimenti, ha approvato l’investimento di circa 14 milioni di euro presentato nel contratto di sviluppo da Capetta I.VI.P Spa, nota cantina santostefanese che opera nel comparto della produzione e commercializzazione di vini bianchi, rossi e spumanti.
 
L’agenzia sosterrà il progetto con un contributo di oltre 5 milioni di euro messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico.
 
Il Programma di Sviluppo Industriale di Capetta I.VI.P Spa prevede, entro il 2023, l’ampliamento della cantina di Santo Stefano Belbo, mediante la realizzazione di una nuova linea di imbottigliamento di spumanti e vini fermi, di una barricaia per l’affinamento e di locali di servizio.

E’ prevista inoltre l’acquisizione di impianti industriali specifici della linea vini e della linea spumanti oltre all’installazione di una nuova piattaforma informatica per la gestione di tutte le attività dello stabilimento.

I principali obiettivi dell’azienda sono l’incremento della capacità produttiva dello stabilimento, la riorganizzazione complessiva della struttura e l’innovazione del processo produttivo con lo scopo di consolidare e incrementare i volumi di materia prima trasformata, l’ottimizzazione della fase di stoccaggio e il controllo di ogni fase del ciclo produttivo.

L’investimento avrà importanti ricadute oltre che economiche, dirette e indirette, anche sociali prevedendo tra l’altro anche l’assunzione di 12 nuovi addetti, con un impatto occupazionale sul territorio come prevede lo stesso Contratto di sviluppo.
 

L’AZIENDA

Capetta I.VI.P Spa dagli anni ’60 commercializza vini sfusi, damigiane e doppio litro con il nome di famiglia; nel 1970 venne installato il primo impianto di spumantizzazione moderna in autoclavi a temperatura controllata. Negli anni ’80, la famiglia Capetta inizia l’espansione sul mercato piemontese, ligure e lombardo attraverso una capillare rete commerciale sia per grandi formati che per bottiglie da 75 cl. raggiungendo, dall’anno 2000, anche l’estero con la conquista di importanti posizioni in Europa Settentrionale, Messico, Stati Uniti, Australia, Giappone, Taiwan, Corea del Sud, Kenya.
La società, oggi, vinifica, imbottiglia e commercializza diverse tipologie di vini, a partire dai principali vitigni tipici del territorio del Monferrato e delle Langhe (quali Barbera, Dolcetto, Moscato, Grignolino, Nebbiolo, Barbaresco, Barolo, Brachetto d’Aqui, ecc.); ha serbatoi per mosti e vini e autoclavi nelle quali produce gli spumanti Metodo Charmat.

C. S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium