/ Attualità

Attualità | 06 ottobre 2022, 20:57

A Dronero la 6° Festa della Vendemmia

Presente Silvio Barbero, vice presidente di Slow Food e dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo: "Esempio di un vivere che si prende cura, attraverso il rispetto, di se stesso e degli altri"

A Dronero la 6° Festa della Vendemmia

Presso gli orti didattici di Dronero ieri, mercoledì 5 ottobre, in occasione della Festa della Vendemmia è stata una giornata davvero importante.

Sesto anno di un appuntamento che vede la collaborazione tra l'Istituto Comprensivo di Dronero, l'associazione Mastro Geppetto e l'Istituto Alberghiero di Dronero, con il contributo del Comune di Dronero e partner d'eccellenza Mulino Cavanna e Slow Food.

Il tutto era nato nel 2013 con la creazione degli orti didattici, idea lungimirante dell'allora dirigente scolastico Graziano Isaia con Marilena Beltramo. Nel 2016 poi, con il successivo dirigente scolastico, Alberto Perassi, la 1° Festa della Vendemmia.

Educazione, socializzazione e rispetto per l'ambiente. A partecipare quest'anno anche i bambini delle classi terza, quarta e quinta dell'Istituto Comprensivo di La Morra, in un importante ed arricchente gemellaggio tra le scuole.

Presenti ieri la dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo di Dronero Vilma Margherita Bertola, la vice preside dell'Istituto Comprensivo di La Morra Stefania Borra, il sindaco Mauro Astesano con il vicesindaco Mauro Arnaudo, il presidente dell'associazione Mastro Geppetto Gianpaolo Rovera con i volontari Geppetti.

Ospite importante Silvio Barbero, vice presidente di Slow Food e dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Rivolgendosi a bambini ed adulti, ha parlato della preziosità dell'esperienza, focalizzando l'attenzione, oltre che sull'aspetto educativo, su quello etico di rispetto per la natura, il cibo e l'ambiente.

"Questo progetto è stato possibile grazie ad una bellissima rete" - ha commentato emozionato - "che ha coinvolto bambini, insegnanti e amministrazione comunale. Ma la vendemmia richiama anche un concetto più ampio, ossia a quello di comunità. Questo orto è di tutti e per tutti: esempio di un vivere che si prende cura, attraverso il rispetto, di se stesso e degli altri."

L'entusiasmo dei più piccoli, in quei loro sguardi vispi ed incuriositi, il loro bellissimo stupore. L'entusiasmo dei grandi, nella consapevolezza di un progetto che richiede sempre notevole impegno, ma che permette ai bambini di vivere un'esperienza davvero unica.

Dopo una golosa colazione, alle ore 10, offerta dal Mulino Cavanna e dall'azienda agricola Mosterei, divisi in gruppi i bambini si sono cimentati in 3 diversi laboratori. C'è stata la vendemmia vera e propria, con la raccolta dell'uva e la pigiatura con i piedi, come si faceva un tempo; creazioni poi, utilizzando materiali di recupero, in cui i bambini hanno dato spazio alla loro fantasia con graziosi quadretti che hanno richiamato la vendemmia ed i suoi colori; terza esperienza, invece, la visita della città ascoltando storiche letture, con tappa al Mulino Cavanna, sul Ponte Vecchio, nella Sala Consiliare del Comune ed all'interno del giardino di Villa Valfré di Bonzo.

Un pranzo sfizioso, alle ore 13, è stato offerto dall'Istituto Alberghiero di Dronero. A servire i ragazzi della classe terza dell'Istituto Alberghiero diretti dalla professoressa Concetta Audino.

Percussioni, chitarre, flauti e clarinetti. Il pomeriggio è iniziato con un piccolo concerto alle ore 14.30 da parte dei ragazzi delle classi musicali della scuola secondaria di Dronero. A dirigerli i professori Luca Cerelli, Armando De Angelis, Sara Rinaudo e Alberto Savatteri. Alle ore 15, invece, i bambini hanno ripreso l'attività dei 3 diversi laboratori a gruppi.

La giornata si è conclusa alle ore 16.30, con un magico spettacolo al teatro Iris dei maghi di Blink Circolo Magico. Ad esibirsi sul palco Mago Alby (Alberto Gertosio), Budinì (Piero Osella) e Maga Savé (Saveria Rosso): numeri divertenti, con riferimento all'uva ed alla vendemmia, che hanno saputo coinvolgere e meravigliare i bambini e le loro maestre.

In tutto, nel corso della giornata, sono stati raccolti circa 400 kg d'uva. Una vera festa, di educazione, condivisione e tanta allegria!

Beatrice Condorelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium