/ Sanità

Sanità | 06 ottobre 2022, 16:25

Nuovo ospedale di Cuneo, Cirio: "Sull'iter non si è perso un giorno. Era, è e sarà sempre l'ospedale più importante della provincia" [VIDEO]

Il presidente della Regione ha ripercorso ogni tappa e ha annunciato che a metà novembre sarà convocata la Conferenza dei Servizi. Ha fatto inoltre chiarezza sulla proposta del privato, evidenziando come l'unico criterio di scelta sarà l'interesse pubblico

Nuovo ospedale di Cuneo, Cirio: "Sull'iter non si è perso un giorno. Era, è e sarà sempre l'ospedale più importante della provincia" [VIDEO]

Un quarto d'ora: tanto è durato l'intervento di Alberto Cirio, che si è tolto qualche sassolino dalla scarpa e ha fatto chiarezza sull'iter che sta accompagnando la realizzazione del nuovo ospedale di Cuneo.

Lo ha fatto stamattina, in occasione dell'inaugurazione del nuovo reparto di semintensiva dell'ospedale Santa Croce di Cuneo. "Non si è perso un giorno, anche se i giornali hanno scritto il contrario. Fino ad oggi non abbiamo parlato per ragioni di riservatezza. Poi ci sono state le elezioni e non volevo che la cosa diventasse strumentale alla propaganda elettorale. Oggi sono qui per dire le cose come stanno".

E' partito da un punto: "L'ospedale di Cuneo è il più importante, quello di riferimento, l'hub della nostra provincia. E' quello dove noi tutti, sia che abitiamo a Vernante sia che abitiamo a Santo Stefano, quando abbiamo bisogno dell'intervento delicato, veniamo. Lo era, lo è e lo sarà, nelle intenzioni, negli investimenti e nelle politiche sanitarie della Regione". 

Silvia Merlo, presidente della Fondazione Ospedale Cuneo, su questo passaggio ha chiesto l'applauso.

Ancora il presidente Cirio: "Per fare un ospedale nuovo servono delle procedure e non bisogna sbagliarle. Quando noi facciamo casa nostra e spendiamo i nostri soldi, ci pensiamo cento volte, ci mettiamo un anno in più a partire ma dieci in meno a realizzarla. Vengo da una terra dove non si è pensato abbastanza dove fare un ospedale, e l'abbiamo pagato dopo. Nella fase di definizione di dove, cosa e come bisogna muoversi con grande e profonda attenzione".

Cirio è poi entrato nel dettaglio dei passaggi: "Sul nuovo ospedale di Cuneo c'è una delibera del Consiglio regionale, una delibera di programmazione che è legge. Ma per fare le cose servono i soldi. E li abbiamo trovati: abbiamo ottenuto la disponibilità di finanziamento che è scritta in un Decreto dello Stato, pubblicato sulla Gazetta ufficiale di marzo. L'Inail stanzia per il nuovo ospedale di Cuneo 310 miioni".

Abbiamo atto di programmazione e abbiamo i soldi. Abbiamo chiesto al territorio: dove lo facciamo? Il territorio cuneese ha deciso per l'area del Carle come l'area migliore per il nuovo ospedale. Che ospedale facciamo? Perché dobbiamo capire con quali tipi di servizi e dimensioni. La Fondazione CRC ha pagato lo studio. Tutto questo avviene in questo anno e mezzo. Partiamo con gli atti propedeutici

Cirio entra poi nel dettaglio della proposta di un privato. Le sue parole nella videointervista

Cirio conclude: "L'ospedale di Cuneo abbiamo bisogno di farlo e vogliamo farlo". A metà novembre la Conferenza dei servizi. 

Barbara Simonelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium