/ Attualità

Attualità | 20 novembre 2022, 15:34

Decreto Aiuti, Bergesio: "Oltre 9 miliardi dal governo per contrastare crisi e inflazione"

"Benefit aziendali esentasse una delle misure più cercate e volute dalla Lega: si prevede l'innalzamento del tetto dell'esenzione fiscale dei 'fringe' a 3.000 euro"

Giorgio Maria Bergesio

Giorgio Maria Bergesio

Dal Decreto Aiuti Quater, pubblicato in GU il 18 novembre, misure per contrastare la crisi energetica, i rincari dei prezzi del carburante e l’inflazione, per aiutare famiglie ed aziende del nostro Paese a superare la crisi”.

Così il Senatore cuneese Giorgio Maria Bergesio, Lega, Vicepresidente Commissione Attività Produttive di Palazzo Madama, commenta il nuovo Decreto Aiuti pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale e che prevede uno stanziamento pari a circa 9,1 miliardi di euro per finanziare interventi contro il caro energia.

Le principali misure contenute nel provvedimento sono la proroga dei bonus energetici, la riduzione delle accise sui carburanti, l’estensione a 3mila euro per i fringe benefit dei dipendenti non tassabili, e, per il superbonus, l’abbassamento dal 2023 della percentuale della detrazione, che passerà dal 110% al 90%, ma facendo salvi i lavori ormai cantierati.

Prevista anche la proroga del credito d'imposta a favore delle imprese contro il caro bollette: con uno stanziamento di 3,4 miliardi di euro è stato prorogato fino al 31 dicembre 2022 il contributo straordinario a favore delle imprese e delle attività come bar, ristoranti ed esercizi commerciali, per l'acquisto di energia elettrica e gas naturale.

Per fronteggiare l’incremento dei costi dell’energia le imprese potranno richiedere ai fornitori la rateizzazione, per un massimo di 36 rate mensili, degli importi dovuti relativi alla componente energetica di elettricità e gas naturale per i consumi effettuati dal 1° ottobre 2022 al 31 marzo 2023 e fatturati entro il 30 settembre 2023.

Tra le misure fortemente volute dalla Lega, che l’ha fatta inserire tra gli obiettivi principali da perseguire già nei primi giorni di Governo, ci sono i benefit aziendali esentasse – afferma il Senatore della Lega - . Il Decreto prevede l’innalzamento nel 2022 del tetto dell’esenzione fiscale dei cosiddetti “fringe benefit” aziendali fino a 3mila euro. Punta a rendere più pesanti gli stipendi dei lavoratori, attraverso il rimborso anche delle utenze, acqua, luce e gas. Poi sono prorogati al 31 dicembre 2022 i tagli alle accise sui carburanti per 1,3 miliardi euro di finanziamento, ed è stata anche confermata la riduzione dell’Iva al 5% per l’acquisto di gas naturale per autotrazione”.

Attraversiamo un momento di grande difficoltà ed occorre intervenire su più fronti per poter sostenere il lavoro e le famiglie, ascoltando le istanze degli italiani e cercando di agire concretamente e con buon senso su tutti i settori. Un impegno importante e delicato che la Lega si è assunta già con il precedente Governo e che continuerà a portare avanti per aiutare il Paese a risollevarsi”, conclude il Senatore Bergesio.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium