/ Monregalese

Monregalese | 28 novembre 2022, 12:05

Ceva, il muro vandalizzato di via Rovella diventa un'opera di street art [FOTO]

Dedicata al mondo del volontariato e ai giovani, l'opera è stata realizzata sotto la guida degli artisti milanesi SteReal e KayOne con il coinvolgimento di tanti ragazzi e ragazze tra i quali gli studenti del Cfp e del "Baruffi"

Ceva, il muro vandalizzato di via Rovella diventa un'opera di street art [FOTO]

Un'iniziativa per sensibilizzare i giovani sul rispetto dei bene comune e per ridare nuova vita a una zona della città che era stata oggetto di atti di vandalismo. 

Rinasce a Ceva il muro di via Rovella, posto nei pressi della piscina comunale e dell'amato parco della Rotonda. 

"L'iniziativa - spiega il sindaco Vincenzo Bezzone - voleva omaggiare il mondo del volontariato ed essere allo stesso tempo occasione per riqualificare un muro che, nel tempo, è stato più volte vadanlizzato con scritte. Grazie al lavoro dell'ex assessore Gianluca Garelli e dell'assessore Silvia Piccardo sono stati coinvolti i giovani che, insieme a due professionisti, hanno potuto fare la propria parte nella realizzazione del murales che ora colora e rallegra via Rovella. Speriamo che possa essere un buon segnale per coinvolgere soprattutto i ragazzi nel rispetto e nella cura del bene comune". 

Le operazioni per realizzare il murales, svoltesi lo scorso fine settimana, hanno visto la speciale partecipazione di due tra i più famosi street artist milanesi: SteReal, alias Stefania Marchetto e KayOne, Marco Mantovani.

Tra i giovani che hanno preso parte al progetto erano presenti anche gli studenti del "Baruffi" e del Cfpcemon sede di Ceva.

Nelle scorse settimane il Comune aveva chiesto agli studenti di elaborare idee a cui ispirarsi per la riqualificazione del muro. Attraverso l’intenso lavoro di ricerca svolto, gli studenti hanno proposto riflessioni su importanti tematiche, che spaziano dall’attenzione al territorio, tra natura e paesaggio, alla tradizione fino ad arrivare al futuro, al rispetto del principio di uguaglianza, solidarietà e partecipazione, parole oggi più che mai dal potente significato.

"Sabato ci siamo messi all’opera – dicono gli studenti del "Baruffi" –, intenti a offrire anche noi il nostro contributo insieme ad altri giovani. E’ stata una piacevole giornata, di condivisione, stimolante e divertente. Il nostro concetto di riqualificazione passa per la tutela e la promozione del territorio, ma guarda anche al futuro, all’uguaglianza e partecipazione. E la giornata di sabato ha avuto il significato di perfetta cornice".

“Ringrazio l’Amministrazione Comunale di Ceva per aver coinvolto i nostri studenti nell’attività di riqualificazione del muro in via Rovella, - dichiara Simona Giacosa, responsabile della sede del Cfp Ceva - educare alla cittadinanza attiva significa accompagnare i giovani alla scoperta dei propri valori. Per cambiare e migliorare la società in cui viviamo serve uno sforzo da parte di tutti: promuovere e sviluppare la cittadinanza attiva e le competenze civiche nei giovani diventa essenziale, soprattutto quando si tratta di valori che ci riguardano da vicino come la solidarietà, l’uguaglianza il futuro, l’ambiente e la sostenibilità; diventare cittadini attivi aiuta a sviluppare maggior attenzione nei confronti del prossimo e della società in cui viviamo. Ringrazio per aver ascoltato e accolto le idee proposte dagli studenti e per averli coinvolti nella realizzazione del lavoro, un grazie anche ai professionisti Marchetto e Mantovani che li hanno coadiuvati nell’attività”.

 

Arianna Pronestì

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Leggi le notizie della Val Bormida

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium