/ Attualità

Attualità | 28 novembre 2022, 19:40

“E se vivessimo tutti insieme?": all’Iris di Dronero la rassegna cinematografica promossa dall’associazione Caffè Alzheimer

Appuntamento mercoledì 30 novembre, alle ore 20.30, con la commedia francese di Stéphane Robelin che affronta con leggerezza e realismo il tema della vecchiaia

“E se vivessimo tutti insieme?": all’Iris di Dronero la rassegna cinematografica promossa dall’associazione Caffè Alzheimer

Dopo la proiezione del film "The Father", lo scorso 21 settembre in occasione della giornata mondiale dell'Alzheimer, riprende a Dronero la rassegna cinematografica "Il ricordo e l'identità", promossa dall’associazione Caffè Alzheimer.


Appuntamento mercoledì 30 novembre, alle ore 20.30, al cinema teatro Iris di Dronero con la proiezione di “E se vivessimo tutti insieme?", commedia francese di Stéphane Robelin che affronta con leggerezza e realismo il tema della vecchiaia, delle difficoltà che può comportare e delle necessità di ciascuno.


“Ad oggi la società risponde con proposte istituzionali, incapaci di preservare le identità dei soggetti e il loro bisogno di riservatezza.”

L'accesso è libero e gratuito. Sono gradite donazioni per sostenere la rassegna cinematografica e i progetti dell'associazione.


Il Caffè Alzheimer di Dronero si trova presso la struttura San Camillo De' Lellis. Accoglie le persone con demenza ed i loro familiari tutti i mercoledì, dalle ore 15 alle ore 17. Figure professionali specializzate e volontari rispondono ai dubbi e alle domande di chi partecipa; propongono momenti di convivialità, stimolazione cognitiva per le persone con difficoltà di memoria e supporto per i familiari che si occupano dell'assistenza ai loro cari.


L'associazione, inoltre, propone attività di stimolazione cognitiva per a tutta la popolazione in ottica preventiva: una vera e propria ginnastica per tenere il cervello in forma. Obiettivo del Caffè Alzheimer di Dronero è infatti aprirsi alla comunità e sensibilizzarla sulla tematica, perché sia più attenta, informata e partecipe. La rassegna cinematografica è pensata proprio per raggiungere tale obiettivo.


Per ulteriori informazioni contattare la dott.ssa Michela Re al 333 7916792.

Beatrice Condorelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium