/ Politica

Politica | 02 dicembre 2022, 14:56

Saluzzo chiede a gran voce la riapertura delle linee ferroviarie

In Consiglio comunale l’ennesimo ordine del giorno. Il sindaco Calderoni sollecita il consigliere regionale Demarchi a farsi latore delle istanze del territorio

Saluzzo chiede a gran voce la riapertura delle linee ferroviarie

Ennesimo ordine del giorno del Consiglio comunale di Saluzzo per sollecitare la riapertura delle linee ferroviarie Saluzzo-Savigliano-Cuneo.

A presentarlo il consigliere di maggioranza Roberto Revelli, il quale ha usato toni duri rispetto alla scarsa considerazione in cui finora la Regione ha tenuto le richieste.

Revelli ha sottolineato come la riapertura sia ancor più necessaria in prospettiva, in considerazione dell’annunciata realizzazione del nuovo ospedale destinato a servire l’area saluzzese, saviglianese e fossanese.

“Senza una adeguata rete infrastrutturale il nuovo ospedale – ha affermato Revelli – rischia di diventare una cattedrale nel deserto”.

La discussione ha chiamato in causa il consigliere regionale Paolo Demarchi, che siede anche in Consiglio comunale.

Demarchi, esponente della Lega, ha detto che uno spiraglio per la riapertura di alcune linee ferroviarie c’è, ma al contempo evidenziato il fatto che all’audizione in Commissione non fossero presenti altri Comuni interessati, quali Cuneo e Busca.

“Non è vero che il servizio di trasporto è stato sospeso. Semplicemente – ha fatto notare – è stato trasferito su autobus”.

Ma quest’opzione per varie ragioni (di traffico, ambientali, ecc) non viene ritenuta soddisfacente. Il sindaco Mauro Calderoni ha invitato il consigliere leghista a farsi latore, con particolare e maggior impegno, dell’istanza.

“Demarchi – ha detto il sindaco - faccia pesare sul tavolo regionale il consenso ottenuto in zona dal suo partito e dalla maggioranza di cui fa parte. Si tratta – ha aggiunto Calderoni – di una battaglia per difendere il territorio e la sua economia. Meritiamo maggiore attenzione di quanta finora la Regione ha riservato al Saluzzese”.

L’ordine del giorno è stato comunque votato all’unanimità.

Così come all’unanimità è stato anche votato l’altro ordine del giorno di sostegno e adesione alle iniziative messe in atto dalla Coldiretti contro il cibo sintetico.

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium