/ Attualità

Attualità | 04 dicembre 2022, 07:54

Covid, in chiesa tornano acquasantiere e segno della pace: le nuove regole della Cei

Resta raccomandata l’igienizzazione delle mani, mentre sparisce l’obbligo di distanziamento dei fedeli

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Un nuovo passo verso la normalità anche in chiesa. Si torna ai riti come li abbiamo conosciuti prima del Covid-19.

Venerdì 2 dicembre, infatti, la Conferenza Episcopale Italiana ha inviato una lettera ai vescovi in cui sono esplicitati degli aggiornamenti per affrontare l’inverno e la nuova fase pandemica, dopo le misure che hanno condizionato la nostra vita così come la celebrazione della Messa e l’accesso ai sacramenti.

La novità principale riguarda l’acqua benedetta: «È possibile tornare nuovamente a ripristinare l’uso delle acquasantiere», così come, chi vuole, può tornare alla «Consueta forma di scambio del segno della pace» (ovvero la stretta di mano).

Due anni e nove mesi dopo l’inizio delle restrizioni, le istituzioni ecclesiastiche inaugurano dunque il post-pandemia. Era il 3 marzo del 2020 quando il Coronavirus ha mostrato tutta la sua violenza, costringendo, qualche giorno dopo, il Paese a chiudersi in lockdown.

Tuttavia restano valide alcune raccomandazioni per la prevenzione del contagio: «Sembra opportuno continuare a condividere i seguenti consigli e suggerimenti - si legge nella missiva della Cei -. È importante ricordare che non partecipi alle celebrazioni chi ha sintomi influenzali e chi è sottoposto a isolamento perché positivo al SARS-CoV-2; si valuti, in ragione delle specifiche circostanze e delle condizioni dei luoghi, l’opportunità di raccomandare l’uso della mascherina; è consigliata l’indicazione di igienizzare le mani all’ingresso dei luoghi di culto; è possibile svolgere le processioni offertoriali; non è più obbligatorio assicurare il distanziamento tra i fedeli che partecipino alle celebrazioni; si consiglia ai Ministri di igienizzare le mani prima di distribuire la Comunione; nella celebrazione dei Battesimi, delle Cresime, delle Ordinazioni e dell’Unzione dei Malati si possono effettuare le unzioni senza l’ausilio di strumenti. Tenuto conto delle specifiche situazioni locali i singoli Vescovi possono, comunque, adottare provvedimenti e indicazioni più particolari». È quasi un ritorno alla normalità.

Silvia Gullino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium