/ Economia

Economia | 09 dicembre 2022, 11:06

Commessa da 100 milioni per Bottero: costruirà le linee produttive della gigafactory Enel Green Power di Catania

Il gruppo leader nella lavorazione del vetro coinvolto nella realizzazione della più grande fabbrica europea di moduli fotovoltaici bifacciali ad elevate prestazioni. Banca di Cherasco supporterà l'operazione con un finanziamento da 5 milioni di euro

La sede della Bottero di Cuneo: conta 700 dipendenti e i suoi impianti sono presenti in 119 Paesi del mondo

La sede della Bottero di Cuneo: conta 700 dipendenti e i suoi impianti sono presenti in 119 Paesi del mondo

Banca di Cherasco ha supportato con un finanziamento di 5 milioni di euro il Gruppo Bottero Spa, una delle maggiori aziende meccaniche della provincia di Cuneo e tra i leader mondiali nella realizzazione di macchinari e linee automatiche per la lavorazione del vetro.

Il finanziamento rappresenta l’inizio della collaborazione tra Bottero Spa e l’istituto di credito cooperativo ed è stato formalizzato nei giorni scorsi a seguito di un'importante commessa di Enel Green Power all’azienda di Cuneo: è la più grande della storia recente di Bottero, per un valore che supera i 100 milioni di euro.

Da alcuni mesi Enel Green Power sta realizzando a Catania una gigafactory per produrre pannelli solari di ultima generazione (3 gigawatt di potenza l’anno), con circa mille nuovi posti di lavoro e un investimento complessivo di 600 milioni di euro. L’azienda di Cuneo fornirà le 5 linee automatiche per la produzione di questi pannelli fotovoltaici destinati ai mercati di tutto il mondo. Quella di Catania è destinata a diventare la più grande fabbrica europea di moduli fotovoltaici bifacciali ad elevate prestazioni.  

Marco Carelli, direttore generale di Banca di Cherasco: “Siamo felici di affiancare una delle eccellenze produttive del Cuneese e contribuire a questa iniziativa nel settore delle energie rinnovabili. Questa Bcc è impegnata sui temi della sostenibilità energetica e ambientale secondo l’Agenda Onu 2030, il Pnrr e il piano Next Generation Eu: la commessa ottenuta da Bottero fa parte di un ambizioso progetto strategico per contribuire alla conversione verso fonti rinnovabili, grazie a moduli fotovoltaici innovativi, sostenibili, ad alte prestazioni. La sede centrale della Banca di Credito Cooperativo e la filiale di Cuneo hanno creduto in questa collaborazione per un’iniziativa industriale che avrà un forte impatto, non solo a livello italiano”.  

Marco Tecchio, C.E.O. del Gruppo Bottero: “Abbiamo accolto con grande soddisfazione la disponibilità di Banca di Cherasco a contribuire a sostenere l’importante piano di crescita del Gruppo Bottero focalizzato da tempo su sostenibilità e automazione, garantendo il proprio supporto finanziario su progetti di importanza così strategica per l’azienda, per il Paese e per l’Europa”.

CHI SONO

Banca di Cherasco ha quasi 16 mila soci e 30 mila clienti (famiglie e imprese), il capitale netto supera i 60 milioni di euro e i dipendenti sono 168, con 26 sportelli nelle province di Cuneo, Torino e Genova; fa parte del Gruppo Bancario Cooperativo Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano che riunisce 69 Bcc, Casse Rurali e Raiffeisenkassen, con 1.483 sportelli in tutta Italia, oltre 450 mila soci e 11 mila collaboratori

Il Gruppo Bottero Spa di Cuneo è nato nel 1957 e opera in tutto il mondo. Progetta e realizza macchinari per la lavorazione del vetro piano e cavo: oltre il 90% del fatturato deriva dall’export. Conta 700 dipendenti e i suoi impianti sono presenti in 119 Paesi del mondo. A fine 2021 ha creato a Rovereto (Trento) un centro di ricerca per l’applicazione dell’intelligenza artificiale nei suoi nuovi macchinari.

C. S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium