/ Agricoltura

Agricoltura | 13 gennaio 2023, 15:10

Nuovo disciplinare Alta Langa, Coldiretti scrive al Consorzio: "Servono risposte per valorizzare tutte le aziende e il territorio”

L'associazione agricola: "Chiediamo di rivedere alcune parti del nuovo regolamento in approvazione che trovano noi e la maggioranza dei produttori in forte disaccordo”    

Voci di dissenso sulle modifiche al disciplinare di produzione dell'Alta Langa Docg

Voci di dissenso sulle modifiche al disciplinare di produzione dell'Alta Langa Docg

Valorizzare tutte le imprese vitivinicole e il territorio dell’Alta Langa, trovando punti di condivisione con il Consorzio, è la priorità. E’ quanto afferma Coldiretti Piemonte rispetto alla richiesta di modifica del disciplinare “Alta Langa DOCG” inviata al Consorzio attraverso una specifica lettera.

“Il successo dello spumante Alta Langa, che valorizza un’area rurale svantaggiata, dipende proprio dall’elevata qualità del prodotto e dalle attività messe in atto dal Consorzio, espressione delle case spumantiere e delle imprese agricole – spiega Marco Reggio, presidente di Coldiretti Asti con delega regionale al settore vitivinicolo, insieme al presidente di Coldiretti Cuneo, Enrico Nada –. Per questo è necessario superare cavilli burocratici e agire verso un obiettivo comune di condivisione delle priorità per affrontare le nuove sfide di mercato”.

Questi i dati dell’Alta Langa: 378 ettari, 260 viticoltori di cui 80 soci del Consorzio, 55 cantine e oltre 1 milione di bottiglie prodotte con la proiezione di arrivare a 3 milioni nei prossimi 2 anni.

“L’Alta Langa DOCG rappresenta una delle eccellenze della vitivinicoltura piemontese – evidenziano Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Piemonte, e Bruno Rivarossa, delegato confederale -, per questo è opportuno impegnarsi affinché, in piena sintonia tra i vari soggetti, si possano condividere anche i criteri di assegnazione delle nuove superfici al fine di raggiungere gli obiettivi di valorizzazione e promozione del prodotto, oltre a consentire a tutte le nostre imprese di poter produrre e lavorare in maniera snella, senza espletare ulteriori procedure, per far crescere ancora di più il valore del prodotto. L’accordo tra i vari soggetti della filiera è fondamentale per la crescita di questa nostra eccellenza, per questo chiediamo di rivedere alcune parti del nuovo regolamento in approvazione che trovano noi e la maggioranza dei produttori in forte disaccordo”.

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium