/ Sport

Sport | 23 gennaio 2023, 17:15

Agnello Treffen, a Pontechianale il motoraduno invernale più alto d'Italia, visto dagli occhi di un nostro lettore

Roberto "Fantaroby" Fantaguzzi ci racconta la sua esperienza tra paesaggi mozzafiato, neve, sole e temperature rigide

Roberto Fantaguzzi con il sindaco Andrea Allasina e Claudio Giacosa

Roberto Fantaguzzi con il sindaco Andrea Allasina e Claudio Giacosa

Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza del nostro lettore Roberto "Fantaroby" Fantaguzzi" che, con la compagna Giovanna "LaGiovanna" Binello, ha partecipato all'Agnello Treffen, il motoraduno invernale più alto d'Italia (1615 metri) a Pontechianale, svoltosi dal 20 al 22 gennaio.


"Ero consapevole ed informato di questo fantastico ed avvincente motoraduno invernale che ho sempre osservato con un certo rispetto visto il grande coraggio e soprattutto la capacità organizzativa dei partecipanti che fanno parte ormai di una Community di moto viaggiatori che spesso si ritrovano in questi motoraduni “estremi” invernali.
Il ritrovo per la parata goliardica a Chianale dalla sbarra della dogana previsto alle 18 con partenza verso il paese di Pontechianale si è svolta regolarmente con la partecipazione sulla strada dei turisti e degli abitanti ammaliati dai suoni, dai colori e dal fascino delle moto.
I partecipanti hanno sfidato temperature particolarmente rigide, si è sfiorato il -15, un plauso all’organizzazione per il servizio di legna da ardere e paglia.
Il sabato sera dopo la premiazione, l’evento è ufficialmente chiuso ma in realtà per la community dei moto viaggiatori è proprio la notte di questo giorno a rappresentare l’evento clou dove, chi più chi meno, trascorre la notte sulla neve in questa immensa moto tendata.

Visto la giornata, quella di sabato con temperature miti ho deciso di saltare a “cavallo” del Benelli Leoncino Trail e fare un piccolo giro attorno a casa che mi porta a Donna di Langa punto panoramico strepitoso della Langa e nel guardare il Monviso e tutte le Alpi la tentazione di andare a curiosare ciò che stava accadendo a Pontechianale è stata troppo forte.

Così ho provato a ragionare come un partecipante all’evento e ritornato in quel di Alba, LaGiovanna è salita a bordo e ci siamo diretti con la Leoncino alla volta di Pontechianale per unirci alle migliaia di curiosi che hanno reso omaggio agli oltre 1500 temerari moto viaggiatori iscritti all’evento.

Partecipanti partiti da Francia, Spagna, Olanda, Gran Bretagna, Germania  e chissà quante altre Nazioni rappresentate, si sono ritrovati a vivere questa meravigliosa festa al bordo del lago ghiacciato di Pontechianale dando vita ad un village colorato, divertente, spiritoso da condividere con la passione delle due ruote e per i lunghi viaggi.

Molti partecipanti sono viaggiatori che compiono imprese memorabili ed hanno a loro volta fans che li seguono nelle loro avventure a cavallo di moto che hanno macinato migliaia di chilometri ora punti di riferimento in questo mondo di viaggiatori diventando protagonisti di racconti e storie di altri tempi condivise nel village magari attorno al falò, facendo nascere nuovi progetti, nuovi viaggi , nuove amicizie e l’80% dell’evento ruota proprio su queste dinamiche.

I soci della MOTO RIDE EXPERIENCE (Manuel Podetti, Rino Fissore, Claudio Giacosa) organizzatori dell’evento, ringraziano in primis l’amministrazione comunale di Pontechianale nella figura del Sindaco Sig. Andrea Allasia, la Caserma dei Carabinieri di Casteldelfino coordinati dal Comandante Sig. Alba Leonardo, un ringraziamento particolare alla Protezione Civile di Busca.

L’Agnello Treffen è andato alla grande, la possibilità di usufruire dei parcheggi della seggiovia ed altri ampi spazi in Pontechianale hanno permesso la normale circolazione della strada.

Raggiunto il paese di Pontechianale sono stati premiati i partecipanti che sono arrivati da più lontano, il partecipante più “anziano” che è del 1944 (79 anni), tre ragazzini di 11 anni lì a vivere il village, il gruppo più numeroso ma comunque un ringraziamento a questa Community che dà vita a questo evento simbolo delle nostre vallate invernali. Entusiasti i commercianti che in questo week end hanno riscontrato numeri importanti di fatturato forse più alto di quelli del periodo estivo e/o della settimana di ferragosto!

Questi mototuristi, moto viaggiatori che oltre ad affrontare la sfida, vogliano assaporare, gustare, vivere il territorio che li ospita e spesso ritornano con le proprie famiglie e vedere sotto un altro punto di vista un panorama che in questa occasione è innevato.

Mentre i partecipanti affrontano la notte siamo sicuri che gli organizzatori stavano già pianificando l’evento 2024. 
Dalle parole del sindaco Andreino Allasino tutto l’entusiasmo per questo evento: «In questi giorni sta succedendo qualcosa di straordinario, per me è la seconda esperienza, l’anno scorso eravamo ancora un pochino presi dal covid ma quest’anno abbiamo una partecipazione ed un’organizzazione veramente stupenda. Sono molto fiero e felice per quanta gente è venuta a partecipare a questo grande evento, dimostrando anche coraggio, durante una giornata serena ma con temperature molto rigide. Grazie all’organizzazione e grazie a tutti perché è stato davvero una bellissima cosa, sono davvero soddisfatto».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium