/ Attualità

Attualità | 25 gennaio 2023, 06:55

Fondazione CRC festeggia i 30 anni “A Cielo Aperto” a Pollenzo [FOTO E VIDEO]

Inaugurata l’opera dell’artista Otobong Nkanga nel giardino dell’Università di Scienze Gastronomiche

Fotogallery di Barbara Guazzone

Fotogallery di Barbara Guazzone

Con l’inaugurazione della quarta e ultima opera del progetto “A cielo aperto”, che si è svolta martedì 24 gennaio in Piazza Vittorio Emanuele II a Pollenzo, si conclude l’iniziativa culturale promossa dalla Fondazione CRC, per celebrare i suoi 30 anni di attività. “A cielo aperto” è un progetto di arte pubblica che la Fondazione CRC ha realizzato in collaborazione con il Castello di Rivoli Museo di Arte Contemporanea, che ha visto nel corso dell’anno realizzate le istallazioni delle opere: “A Song A Part” di Susan Philipsz a Mondovì, “Il Terzo Paradiso dei Talenti” di Michelangelo Pistoletto a Cuneo e “The presence of absence pavilion” di Olafur Eliasson al Castello di Grinzane Cavour.

Come spiega nella nostra intervista Ezio Raviola, Presidente della Fondazione CRC.

L’installazione ambientale site-specific dell’artista nigeriana Otobong Nkanga, inaugurata nel giardino all’ingresso del giardino dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, è intitolata “Of Grounds, Guts and Stones / Sulle terre, le trippe e le pietre”. Si tratta di un’opera scultorea formata da una serie di sedute in marmo, tubi in metallo e fioriere che ospitano piante aromatiche locali e stagionali. Come spiega l’autrice nella nostra intervista.

L’installazione è nata grazie al supporto scientifico dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e di Slow Food e la curatela di Carolyn Christov-Bakargiev.

Nata a Kano, in Nigeria, nel 1974, Otobong Nkanga vive e lavora ad Anversa, in Belgio. Ha iniziato i suoi studi alla Obafemi Awolowo University in Ile-Ife, Nigeria, per poi proseguirli all’Ecole Nationale Supérieure des Beaux-Arts. Dopo la laurea ha frequentato una residenza presso la Rijksakademie van beeldende kunsten ad Amsterdam e nel 2008 ha conseguito un Master in Performing Arts alla DasArts, l’Accademia di teatro e danza dell’Università delle arti di Amsterdam. Successivamente è stata in residenza al DAAD Artists-in-Berlin Program e nel 2019 al Gropius Bau, sempre a Berlino. Nel 2018, Nkanga ha istituito la Carved to Flow Foundation con sede a Uyo, nello stato di Akwa Ibom in Nigeria.

Il nuovo progetto di arte pubblica per il territorio braidese sviluppato da Otobong Nkanga nasce in perfetta sintonia con la filosofia di Slow Food e con il concetto di rigenerazione di Terra Madre Salone del Gusto, ponendo per altro grande attenzione al territorio piemontese.

Andrea Olimpi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium