/ Eventi

Eventi | 25 gennaio 2023, 12:56

A Firenze pietre d'inciampo per tre fossanesi deportati ad Auschwitz

Diversi gli appuntamenti coi quali da qui a marzo la città degli Acaja celebrerà la Giornata della Memoria per le vittime dell'Olocausto

La posa delle tre pietre d'inciampo in ricordo di Alessandro Valobra, della moglie Giulia Giuditta Colombo e della loro figlia Violetta, arrestati a Firenze nel novembre 1943 e poi deportati ad Auschwitz. Vi morirono nel dicembre dello stesso anno

La posa delle tre pietre d'inciampo in ricordo di Alessandro Valobra, della moglie Giulia Giuditta Colombo e della loro figlia Violetta, arrestati a Firenze nel novembre 1943 e poi deportati ad Auschwitz. Vi morirono nel dicembre dello stesso anno

Per commemorare la Giornata della Memoria (27 gennaio) si terranno a Fossano diversi incontri, sia nel mese di gennaio che a marzo, in coincidenza della Giornata Europea dei Giusti.

Per ricordare le vittime dell'Olocausto l'assessore alla Cultura Ivana Tolardo si è recata già nei giorni scorsi (giovedì 12 gennaio) a Firenze, dove sono state posate tre pietre d'inciampo per commemorare altrettanti cittadini di origini fossanesi: Alessandro Valobra, la moglie Giulia Giuditta Colombo e la loro figlia Violetta, arrestati a Firenze nel novembre del 1943 e poi deportati ad Auschwitz, dove morirono nel dicembre dello stesso anno.

Sempre l'assessore Tolardo terrà il 27 gennaio alle ore 15,30 una conferenza presso la sede locale dell'Unitre in cui parlerà della presenza della comunità ebraica a Fossano, delle vittime dell'Olocausto e dei Giusti fossanesi.
 
"Abbiamo voluto programmare diversi incontri, non solo in coincidenza con la ricorrenza del 27 gennaio, proprio perchè è un dovere morale fare in modo che la memoria e il ricordo delle vittime di genocidio non venga mai meno, ma continui ad essere presente in tutti noi. Poichè quest'insegnamento deve essere rivolto anche alle nuove generazioni, per loro è stata prevista la proiezione di un film sulla Shoah, differenziato in base alle età, un momento da cui sono certa potranno scaturire delle riflessioni e degli approfondimenti", spiega l'assessore alla Cultura Ivana Tolardo.
 
GLI ALTRI EVENTI
Venerdì 27 gennaio, alle ore 21, al teatro I Portici andrà in scena lo spettacolo teatrale “Terezin – l’arte è più forte dell’odio”.
 
Sabato 4 febbraio, sempre alle ore 21, la Chiesa dei Battuti Rossi ospiterà uno spettacolo e letture a cura dell’ebraista Maria Teresa Milano. In collaborazione con la Fondazione Fossano Musica.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium