/ Attualità

Attualità | 13 febbraio 2023, 17:30

Nuovo biodigestore: Borgo e Cuneo tirano le fila sul progetto

Programmati due incontri per le serate di mercoledì e giovedì, un incontro in commissione per il capoluogo e un consiglio comunale per Borgo

Il progetto del biodigestore

Il progetto del biodigestore

E' ormai il tempo di fare chiarezza sul progetto di restyling e ampliamento del biodigestore di Borgo San Dalmazzo, una questione che negli ultimi anni ha occupato le cronache dell'area cuneese e smosso diverse polemiche: la stessa Borgo ma anche Cuneo infatti vivranno, nelle serate di giovedì 16 e mercoledì 15 rispettivamente importanti momenti di condivisione degli ultimi aggiornamenti sulla tematica.

Cuneo, mercoledì, vedrà la riunione della V commissione consiliare - dopo la discussione occorsa nell'ultimo consiglio comunale - , mentre a Borgo giovedì alle 18 avrà luogo il consiglio comunale con la questione del biodigestore in cima all'ordine del giorno (una risposta alla richiesta presentata a fine gennaio dai consiglieri di minoranza Bassino, Giraudo e Varrone); nel primo caso i consiglieri riceveranno alcuni aggiornamenti ancora non specificati, mentre nel secondo si esaminerà lo studio progettuale e di fattibilità, il piano economico finanziario del progetto.

TITOLO
Se per diverso tempo il progetto del biodigestore borgarino è rimasto sotto i radar dell'opinione pubblica, si è visto tornare protagonista a inizio gennaio grazie al conferimento di un finanziamento da 12.851.000 euro in fondi PNRR al Consorzio Ecologico Cuneese, destinati proprio alla realizzazione dell'intervento.

Trenta i giorni a disposizione del CEC per pronunciarsi in merito all'accettazione o meno del finanziamento. E in queste settimane il punto della questione è sembrato spostarsi dalla tematica ambientalista a quella prettamente economica relativa alla sostenibilità dell'attività stessa del biodigestore: richiedendo 45.000 tonnellate annue per poter funzionare a pieno regime, la certezza sul conferimento dei rifiuti dagli altri tre consorzi provinciali sarebbe meglio ci fosse.

Il problema, però, è che Acsr ha proposto come prezzo 92 euro a tonnellata - riducibili fino a 74 euro - , molto più alto rispetto al prezzo a cui ACEM, CSEA e coaBsER conferiscono attualmente i propri rifiuti. L'accordo quadro del 2019 spinge però i consorzi a ragionare in un'ottica di rete.

Simone Giraudi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium