/ Volley

Volley | 26 febbraio 2023, 20:55

Volley A2M. Cuneo, un tonfo che fa male: Santa Croce vince 3-1. Giaccardi: "Un grosso passo indietro, ma questi siamo noi" (VIDEO)

Il tecnico è critico verso i suoi: "Le vittorie cambiano le dinamiche, non le persone. Si è visto subito che non eravamo la squadra spumeggiante delle ultime partite prima di Vibo"

(Fotoservizio di Beatrice Bramardi)

(Fotoservizio di Beatrice Bramardi)

Cuneo, un passo indietro che fa male. Non tanto per la classifica, in fondo il gruppone non riesce a diluirsi e questo è un bene, ma perché ancora una volta al primo ostacolo si sono palesati nella testa degli uomini di Max Giaccardi i soliti fantasmi, mai del tutto svaniti. 

È stata una partita piuttosto brutta tecnicamente quella giocata contro Santa Croce: battuta senza mordente e fallosa, attacco evanescente e soprattutto i soliti, tanti errori, sono stati i cardini sui quali è maturato il successo degli avversari: 3-1 per la Kemas Lamipel (25-23/21-25/22-25/19-25) che bissa così il successo dell'andata strappando sei punti su sei ai piemontesi. 

Prendiamo i primi due set, quelli nei quali Cuneo ha giocato meglio: 11 errori in quello d'apertura (quasi tutti in battuta, 8), poi 9 commessi nel secondo, con  5 palle regalate al servizio ed altri 4 punti diretti in attacco lasciati agli avversari. Poi la partita è scivolata via nel terzo, con 5 punti regalati in battuta ed altrettanti in attacco, mentre nel quarto set la squadra ha sbroccato. 

Decisamente insoddisfatto il tecnico Max Giaccardi: "Si è visto subito che non eravamo la squadra spumeggiante delle ultime partite prima di Vibo. Siamo tornai ad essere quella squadra che appena va in difficoltà non trova più il filo del gioco. Che s'incastra in situazioni difficili. Un grande passo indietro e ciò non è bello, ma questi siamo noi: possiamo giocare molto bene, ma altrettanto male. Le vittorie cambiano le dinamiche, non le persone". 

IN CAMPO. Coach Max Giaccardi schiera Pedron al palleggio con Santangelo opposto, i due centrali Codarin e Sighinolfi, schiacciatori di posto-4 Botto e Parodi ed il libero Bisotto. Dall'altra parte della rete risponde il tecnico Mastrangelo con Coscione in cabina di regia e l'opposto Motzo, i due centrali Vigil Gonzalez e Truocchio, con gli schiacciatori ricevitori Maiocchi e Hanzic. Il libero è Morgese

PRIMO SET. Il break di Cuneo (10-7) arriva su un errore dei toscani ed il muro di Parodi su Motz,o che poi sbaglia anche l'attacco  dell'11-7 con il primo time out chiamato da coach Mastrangelo. Nel turno al servizio di Vigil la Kemas guadagna un break (14-12), poi il muro di Truocchio su Botto riporta gli ospiti a -1 sul 15-14. Il capitano di Cuneo si riscatta subito fermando a sua volta Maiocchi e riporta i suoi avanti 18-15, ma arriva l'errore in attacco di Codarin con il set che si riapre (19-18). Il centrale si riscatta a muro costringendo Mastrangelo all'ultimo time out sul 21-18. Cuneo arriva al set ball, ma ne spreca uno: l'errore in attacco di Mastrangelo riporta sotto Santa Croce (24-23), ma la palla smanacciata fuori al servizio di Hanzic chiude il set 25-23.

SECONDO SET. Cuneo avanti di tre lunghezze sul 9-6, poi Simone Parodi gioca un perfetto mani e fuori sulle mani del muro avversario e trova il +4 (11-7) con Santangelo che affonda il colpo costringendo coach Mastrangelo al time out sul punteggio di 12-7 per Cuneo. L'opposto piemontese sbaglia però l'attacco successivo, Vigil dal centro ritrova il -2 (12-10) e Motzo costringe Giaccardi ad interrompere il gioco con Santa Croce pericolosamente sotto, 12-11. Arriva anche l'errore di Botto (palla sull'asticella), Santa Croce ringrazia e pareggia 14-14 poi mette la freccia 16-17 fermando a muro Santangelo che lascia il campo a Cardona. Break Kemas con Motzo che dalla seconda linea mette a terra il punto del 18-20, Parodi smanaccia fuori la palla del 18-21, coach Giaccardi rimette in campo Santangelo, ma ormai il set ha preso la via toscana: al primo tentativo chiude 21-25 sull'ennesima palla schiacciata out da Santangelo. 

TERZO SET. Santa Croce passa a condurre 4-6 con l'ace sul net di Motzo che subito dopo sorprende Bisotto e mette a terra anche quello del 4-7, con conseguente time out per Giaccardi. Con scarso risultato, perché la fiera degli errori in casa cuneese continua: smanacciata out di Botto, seguita da quella di Santangelo per il 4-9 avversario. Intanto il neo entrato Chiapello prova a dare la scossa ai compagni: suo il punto del 6-10, mentre Santangelo torna a fare punti con un mani e fuori che vale il -3 (7-10), ma arriva un altro errore di marca piemontese e sul 7-12 a Giaccardi non resta che chiamare il suo ultimo time out. Un muro ed un attacco di Parodi riportano Cuneo a -2 (11-13), che va a -1 con un diagonale nei 3 metri avversari: 15-16 e time out di coach Mastrangelo. L'opposto pugliese di Cuneo a muro firma anche il punto della parità (16-16), mentre Motzo attacca sull'asticella la palla del sorpasso di Cuneo (17-16), ma Santa Croce è capace ancora di ribaltare la situazione quando va in battuta Hanzic: un ace ed un errore di ricostruzione cuneese portano i toscani sul 20-23, con Giaccardi che prova ad inserire Lanciani a posto di Codarin. Ma arriva un altro ace di Hanzic per il set ball Kemas sul 20-24: Cuneo ne annulla due (muro di Botto, 22-24), poi l'errore in battuta del neo entrato Kopfli porta Santa Croce sul 2-1.

QUARTO SET. Partenza razzo degli ospiti e sullo 0-3 c'è già il primo time out di Cuneo. I biancoblu recuperano un break (5-7) con Botto, poi a muro tornano a -1 (7-8) ed un fortunoso colpo di Parodi li rimette in corsa sull'8-8. Cuneo sembra aver ritrovato la fiducia quando Codarin dal centro firma il punto del sorpasso (10-9), ma è una fiammata perché Santa Croce si riporta avanti 12-14 e poi con il diagonale di Motzo aggiunge fieno in cascina sul 14-17. Un grande muro su Parodi sigla il 14-18, entra Lanciani per Sighinolfi, ma quando per i toscani torna al servizio Coscione è punto certo per la Kemas: 16-21 e sipario sulla partita pronto a calare. Il muro di Motzo su Botto porta Santa Croce al match ball sul 18-24. Il capitano di Cuneo annulla il primo, ma la pipe di Hanzic pone il sigillo alla partita. 

Cesare Mandrile

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium