/ Attualità

Attualità | 28 marzo 2023, 20:36

Garessio, dopo il restauro riapre ai visitatori il Castello di Casotto

A partire da sabato 8 aprile tornerà ad accogliere i visitatori dopo un lungo periodo di lavori

Garessio, dopo il restauro riapre ai visitatori il Castello di Casotto

Una delle residenze reali più affascinanti, il Castello di Casotto, situato in Valle Casotto a 1.090 metri di quota, tornerà ad accogliere i visitatori a partire da sabato 8 aprile.

L'edificio, collocato sulla via che collega i comuni di Garessio e Pamparato e attualmente di proprietà della Regione Piemonte, sarà oggetto di un programma di valorizzazione a cura di Kalatà - impresa culturale monregalese che opera da anni nel settore della promozione del patrimonio culturale.

Il castello, che si erge sui resti di un antico monastero certosino, fu acquisito dai Savoia e trasformato in residenza di caccia da Carlo Alberto. Ciò che subito stupisce e sorprende è l'immensità di questa architettura, inserita tra chilometri di bosco, in una dimensione spazio temporale assolutamente sospesa.

In questo luogo, adatto alla preghiera e alla meditazione, nel 1172 fu fondata dai frati certosini l'antica Certosa, di cui oggi rimangono alcune evidenze archeologiche. Più volte distrutta da incendi e ricostruita, la Certosa fu trasformata a partire dal 1754 nelle forme attuali dall'architetto Bernardo Vittone.

Dopo la soppressione napoleonica degli ordini religiosi, nel 1837 il complesso fu acquisito da Carlo Alberto e destinato a castello di caccia. Luogo prediletto da Vittorio Emanuele II, amante dell'attività venatoria e residenza estiva di Maria Clotilde, il Castello rimase di proprietà della famiglia reale fino all’anno 1881, data in cui venne venduto a privati per poi essere acquisito dalla Regione Piemonte.

Dopo un lungo periodo di chiusura, nel corso del quale sono stati realizzati importanti interventi di restauro, il Castello di Casotto torna a svelarsi al pubblico in tutta la sua meraviglia.

La visita guidata (durata 1h30) consentirà al pubblico (organizzato in piccoli gruppi) di esplorare gli ambienti esterni, gli appartamenti reali situati nell’ala nord - completi di arredi, la cappella reale e la torre campanaria.

cs

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium