/ Agricoltura

Agricoltura | 18 maggio 2023, 15:52

“Siamo in zona rossa per peste suina africana ma si può andare nei nostri boschi”

Intervista a Luciano Grignolo, sindaco di Saliceto, primo comune della Granda a entrare in zona infetta II per PSA: “Basta rispettare le misure di biosicurezza previste dall'ordinanza. A giorni la catellonistica”

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

“Siamo in zona rossa da martedì 16 maggio, quando hanno trovato una carcassa di cinghiale infetto da PSA nel territorio di Cairo Montenotte, a 10 chilometri dal nostro Comune. Ma la situazione è sotto controllo. Non abbiamo allevamenti di suini. L'unico residente che teneva dei maiali è riuscito a far macellare gli animali più di venti giorni fa”. È tranquillo Luciano Grignolo, il sindaco di Saliceto, primo comune della Granda a entrare in zona infetta II per peste suina africana.

La notizia era nell'aria – aggiunge il primo cittadino -. La settimana scorsa eravamo in zona I con il comune di Gottasecca e dopo gli ultimi ritrovamenti sono aumentati i comuni della Granda inseriti nelle zone soggette a restrizione I”.

La peste suina africana infatti avanza di 5/6 chilometri al mese. In zona I ci sono attualmente 19 Comuni: Bergolo, Pezzolo Valle Uzzone, Cortemilia, Levice, Castelletto Uzzone, Perletto, Castino, Cossano Belbo, Rocchetta Belbo, Santo Stefano Belbo, Gottasecca, Monesiglio, Sale delle Langhe, Camerana, Castelnuovo di Ceva, Priero, Prunetto, Montezemolo, Perlo.

Il territorio boschivo di Saliceto è molto ampio e arriva fino alla Riserva Naturale Sorgenti del Belbo, al confine con la Liguria.

Ho già ribadito ai miei concittadini che la peste suina africana non è pericolosa per l'uomo, ma sappiamo che il Commissario Caputo ha previsto misure di biosicurezza per chi entra nei boschi. A breve metteremo dei cartelli in modo che la comunicazione arrivi a tutti”, aggiunge il sindaco Grignolo.

Ne abbiamo già scritto sul nostro giornale: in zona rossa infetta non si può uscire dai sentieri tracciati, si deve tenere il cane al guinzaglio, pulire le scarpe e le ruote delle biciclette, raccogliere funghi solo se residenti nel comune di Saliceto. Per tutte le regole CLICCA QUI.

Ciò non significa che non si può andare nei boschi. Anzi è importante andarci e segnalare immediatamente eventuali carcasse di cinghiali”, conclude il primo cittadino.

Martedì 16 maggio è stato organizzato un incontro con i rappresentanti della Provincia, cacciatori e sindaci del territorio in municipio a Gorzegno dove si è ribadita la necessità di fare squadra e di abbattere i cinghiali.


Cristina Mazzariello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium