/ Agricoltura

Agricoltura | 22 giugno 2023, 15:46

Via libera a fotovoltaico su tetti di stalle e cascine: finanziamenti a fondo perduto fino all'80%

Coldiretti plaude alla misura approvata dalla Commissione Europea: “Un sostegno per le imprese agricole e zootecniche, ma anche per il Paese, che può beneficiare di una fonte energetica rinnovabile in una situazione di forti tensioni internazionali"

Via libera a fotovoltaico su tetti di stalle e cascine: finanziamenti a fondo perduto fino all'80%

Il via libera della Commissione Europea al nuovo decreto del bando agrisolare consente l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti di circa 20mila stalle e cascine ed è importante per contribuire in modo sostenibile alla sovranità energetica del Paese.

E’ quanto afferma Coldiretti nel commentare positivamente l’annuncio del ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, sul bando che prevede finanziamenti a fondo perduto fino all'80%.

“Un sostegno per le imprese agricole e zootecniche che possono avvantaggiarsi del contenimento dei costi energetici, ma anche per il Paese che può beneficiare di una fonte energetica rinnovabile, in una situazione di forti tensioni internazionali. Il bando sull’agrisolare, fortemente sostenuto dalla Coldiretti, consente l’installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture degli edifici agricoli e zootecnici ma senza consumare terreno fertile. È necessario infatti – sostengono Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Piemonte, e Bruno Rivarossa, delegato confederale - salvaguardare le campagne per garantire la sovranità alimentare nazionale fermando le speculazioni ed il consumo di suolo con impianti fotovoltaici a terra che sono incompatibili con l’attività agricola.

Di fronte all’occupazione di suolo fertile con distese di ettari di moduli fotovoltaici a terra o di tecnologie industriali camuffate da parchi agrivoltaici che sottraggono il suolo dalla sua vocazione originale, diventa urgente correggere tale situazione e fermare il caos decisionale che deriva dall’assenza di regole che sta portando ad una sorta di abusivismo energetico, con un forte consumo di suolo e significativi danni collaterali ecologici ed economici.

Coldiretti sostiene un modello di transizione energetica che vede le imprese agricole protagoniste attraverso, ad esempio, le comunità energetiche, gli impianti solari sui tetti e l’agrivoltaico sostenibile e sospeso da terra che consentono di integrare il reddito degli agricoltori con la produzione energetica rinnovabile, con una ricaduta positiva sulle colture e sul territorio”. 

C. S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium